Serracchiani, norme delocalizzazioni aiuteranno

Serracchiani, norme delocalizzazioni aiuteranno

“Le nuove norme anti-delocalizzazione, che il Partito democratico ha sostenuto con molta determinazione in Parlamento e al Governo, aiuteranno a contrastare l’atteggiamento arrogante di imprese che progettano di andarsene dopo aver fruito di benefici. Wartsila dovrebbe rivalutare seriamente se proseguire un lungo e costoso braccio di ferro, in cui dall’altra parte adesso c’è anche la legge accanto a istituzioni, lavoratori e cittadini”. Lo afferma la presidente del gruppo Pd alla Camera Debora Serracchiani, dopo che il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto Aiuti ter, che contiene misure per scoraggiare le delocalizzazioni.

“La norma è molto vicina a quanto avevamo previsto nei nostri emendamenti – spiega la capogruppo dem – e dà strumenti più efficaci per difendere la capacità produttiva e i livelli occupazionali. Le multinazionali che se ne vogliono andare senza ragioni davvero fondate e dimostrabili dovranno affrontare una procedura più lunga, difficile e costosa. Il nostro obiettivo non è intimidire le aziende virtuose che investono ma proteggere le risorse nazionali da chi vuole sfruttarle e basta”.

Ferrovie: Conti-Celotti, rinvio velocizzazione è colpo a Fvg

Ferrovie: Conti-Celotti, rinvio velocizzazione è colpo a Fvg


“Un duro colpo alle attese di sviluppo di un territorio che ha una storica fame di collegamenti. Questi sono interventi che interessano tutta la Regione con i gangli logistici regionali toccati dal corridoio Mediterraneo e da quello Adriatico-Baltico, su cui era stato fatto un grande lavoro istituzionale che ora viene diluito. Come sempre accade in presenza di rinvii, si getta incertezza sul futuro. Siamo evidentemente preoccupate per il rinvio della velocizzazione della linea Venezia-Trieste con le attese connesse alle prospettive di ulteriore crescita del porto così come per i lavori sul nodo di Udine a favore del trasporto merci. Chiediamo al presidente della Regione di svolgere un ruolo di garanzia e vigilanza per rassicurare cittadini e operatori che la nuova tempistica sarà rispettata rigorosamente. L’entità delle risorse previste non è fattore sufficiente se i tempi di realizzazione non sono adeguati alle sfide della crisi”. Lo affermano le candidate del Pd alla Camera nei collegi uninominali di Trieste e Udine Caterina Conti e Manuela Celotti, commentando l’annuncio del rinvio degli interventi previsti in Fvg dal piano commerciale di Rete ferroviaria italiana.

Toponomastica: Pucci, Trieste onori Margherita Hack

Toponomastica: Pucci, Trieste onori Margherita Hack

“Quest’anno ricorre il centenario della nascita e presto sarà il decimo anniversario dalla scomparsa di Margherita Hack: deliberiamo dionorarla degnamente intitolandoledei luoghi significativi di Trieste, come una scuola, una via o una piazza e il Parco di Villa Bazzoni”. E’ la proposta contenuta in una mozione a prima firma della consigliera Rosanna Pucci (Pd), sottoscritta dal capogruppo Giovanni Barbo.

“Margherita Hack è stata una scienziata di fama internazionale – spiega la consigliera dem – per le ricerche compiute nel campo dell’astrofisica, direttrice per decenni dell’Osservatorio Astronomico di Trieste, è divenuta a tutti gli effetti una componente della nostra comunità cittadina dove, oltre al lavoro di ricerca, ha svolto attività sociali ed espresso impegno politico e civile. Al termine di una prestigiosa carriera che ha portato a lei grandi riconoscimenti e lustro a Trieste – conclude Pucci – è giusto che il suo nome entri nella toponomastica cittadina”.

Resistenza: Serracchiani, a Trieste sfregiato monumento partigiana

Resistenza: Serracchiani, a Trieste sfregiato monumento partigiana

“La mano di qualche teppista fascisteggiante ha infierito contro il monumento ad Alma Vivoda, donna, comunista, combattente, caduta a Trieste nel 1943. Un altro sfregio alla memoria della Resistenza, un altro atto vile verso la figura di una partigiana che ha dato la vita combattendo il fascismo nel Litorale adriatico. Non so se sia il clima di una campagna elettorale che sta alzando troppo i toni, ma certo non è la prima volta che in questa terra già martoriata si rifanno vivi i segni dell’intolleranza”. Lo afferma la capogruppo Pd Debora Serracchiani, dopo che le è stata riportata la notizia dell’atto vandalico commesso oggi da ignoti contro il monumento situato nel parco del Ferdinandeo a Trieste, dove è stata verosimilmente data alle fiamme la corona d’alloro deposta ai piedi del monumento bronzeo con la targa in memoria della partigiana. Alma Vivoda, originaria di Muggia e attivista in Istria, fu ferita proprio nell’area dove ora sorge il monumento, morendo poi per le ferite.

Conti, impegno Orlando tiene aperta partita

Conti, impegno Orlando tiene aperta partita

“L’impegno del ministro Orlando tiene aperta la partita della Wartsila. La sua presenza oggi a Trieste è un importante segno di attenzione alla situazione occupazionale del nostro territorio, risultato anche della costante applicazione delle nostre parlamentari. Nella difficile battaglia contro multinazionali che delocalizzano dalla sera alla mattina, le rappresentanze sindacali chiedono un impegno sul futuro industriale di Trieste. Noi ci siamo e confidiamo che tutte le forze politiche saranno dalla stessa parte”. Così la segretaria del Pd provinciale di Trieste e candidata alla Camera Caterina Conti, oggi assieme al ministro del Lavoro Andrea Orlando e alle parlamentari Debora Serracchiani e Tatjana Rojc, al presidio dei lavoratori alla Wärtsilä di Bagnoli della Rosandra.

Conti: il tema carceri entri in campagna elettorale

Conti: il tema carceri entri in campagna elettorale

Va raccolto l'appello del Garante nazionale delle persone detenute, facendo entrare nel dibattito elettorale l’enorme questione sommersa del mondo carcerario. Il livello di civiltà e l’attuazione dello Stato di diritto si misura dalle condizioni degli ultimi, e tra questi vi sono i carcerati. Sono persone che pagano alla società la pena per i loro delitti con la finalità della riabilitazione e del reinserimento, non della vendetta tribale. Invece i 57 suicidi in carcere nei primi otto mesi dell’anno sono l’indicatore di una situazione drammatica, peggiorata con la pandemia. Dunque tra gli obiettivi che ci poniamo ci sono investimenti in più personale di custodia ed educatori, più istruzione e formazione dei detenuti, la riduzione del sovraffollamento, snellimento dei tempi della giustizia”. Lo dichiara la segretaria del Pd provinciale di Trieste e candidata alla Camera Caterina Conti, dopo che il Il Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale ha lanciato un appello a tutti i partiti politici e ai loro leader, denunciando che “il carcere è assente perché porta pochi voti”.

Conti, Fedriga smentisca sito centrale a Monfalcone

Conti, Fedriga smentisca sito centrale a Monfalcone


Il presidente Fedriga assicuri ai cittadini che non sarà nemmeno presa in ipotesi il sito di Monfalcone per una centrale nucleare. Purtroppo non è la prima volta che lo spettro di una centrale atomica incombe sui monfalconesi e quindi su tutta la nostra regione: non vorremmo che a forza di ripetere qualcuno cominci a crederlo possibile”.
“L’indipendenza energetica è un tema strategico che va affrontato con la massima serietà e parlare con leggerezza di nucleare non è il metodo per uscire dall’emergenza. Tanto più in Friuli Venezia Giulia, dove non dimentichiamo mai che a pochi km sorge la centrale di Krsko, con tutte le problematiche annesse, inclusa l’alta sismicità del territorio”.
Lo dichiara la segretaria del Pd provinciale di Trieste e candidata alla Camera Caterina Conti, dopo che è stata diffusa una mappa, attribuita al centrodestra, con i siti di centrali nucleari da costruire, tra cui è compresa Monfalcone (Gorizia).

Serracchiani, da prefetto di Trieste per tavolo Mise

Serracchiani, da prefetto di Trieste per tavolo Mise

“Non lasceremo nulla di intentato, percorreremo tutte le strade possibili per evitare una catastrofe per l’industria triestina e regionale. Oggi al prefetto di Trieste abbiamo affidato le nostre gravissime preoccupazioni per il futuro dei lavoratori e soprattutto abbiamo rinnovato a Giorgetti, attraverso il rappresentante del Governo, la richiesta urgentissima di convocazione del tavolo al Mise. Appaiono tuttora incomprensibili le ragioni che si sono intermesse a un’azione concreta del ministro, al di là delle deprecazioni iniziali”. Lo afferma la capogruppo del Pd alla Camera Debora Serracchiani, che oggi assieme alla segretaria del Pd provinciale di Trieste Caterina Conti, ha incontrato il prefetto del capoluogo regionale e Commissario del Governo nella Regione Friuli Venezia Giulia Annunziato Vardè.

Serracchiani, Giorgetti riconvochi subito tavolo a Mise

Serracchiani, Giorgetti riconvochi subito tavolo a Mise


“E’ urgente che il ministro Giorgetti si attivi al più presto e riconvochi il tavolo di crisi al Mise per affrontare la crisi Wartsila. Dopo quattro settimane dalla prima convocazione, occorre che il Governo riprenda l’iniziativa, perché l’azienda non aspetta che finisca la campagna elettorale, le procedure di mobilità stanno andando avanti e i licenziamenti si avvicinano. Perciò deve continuare la pressione e il confronto con i finlandesi, a livello adeguato”. Lo ha dichiarato a Trieste la presidente del gruppo Pd alla Camera Debora Serracchiani, che oggi si è recata nuovamente al presidio dei lavoratori davanti allo stabilimento Wartsila di Bagnoli della Rosandra.

Piscina Terapeutica: Decarli, Giunta Dipiazza acceleri ricostruzione

Piscina Terapeutica: Decarli, Giunta Dipiazza acceleri ricostruzione


“La Giunta e lo stesso sindaco Dipiazza in persona che si era impegnato pubblicamente devono esprimere una più chiara volontà di accelerare il processo di ricostruzione della piscina terapeutica. La tempistica che è stata illustrata dal Comitato, guardando sia al passato che al futuro, traccia i contorni di un vero e proprio ‘buco’ di anni nei servizi riabilitativi offerti ai cittadini. Finisca il tempo delle chiacchiere e delle rassicurazioni e il sindaco, oltre al cantiere della Galleria di Montebello, vada ogni settimana a vedere il cumulo di macerie sulle rive e si ricordi di tutti i suoi cittadini che non possono usufruire delle terapie. Si ricordi delle novemila persone che hanno firmato per riavere la struttura”. E’ la dichiarazione di Roberto Decarli, della segreteria del Pd provinciale di Trieste, oggi presente alla conferenza stampa organizzata dal Coordinamento Nuova Piscina Terapeutica, sorto per chiedere la ricostruzione “in situ” della piscina terapeutica “Aquamarina”, il cui tetto è crollato nel 2019.