Opposizioni TS, si dimetta presidente Commissione Pari Opportunità

Opposizioni TS, si dimetta presidente Commissione Pari Opportunità

Dopo la bocciatura della Relazione delle attività svolte nel 2023, la presidente della Commissione pari opportunità del comune di Trieste Margherita Paglino dovrebbe prendere atto di non rappresentare la maggioranza dell’organo cui è preposta e trarne le conseguenze.
La Cpo si trova infatti da mesi in una situazione di stallo inaccettabile: la trattazione delle questioni concrete delle donne è ormai in secondo piano rispetto a tensioni e divergenze sugli argomenti da esaminare e programmi dei lavori. Le cause dello stallo si devono ai continui dissidi interni, alla scarsa condivisione e al mancato coinvolgimento delle commissarie sulle tematiche da trattare”.
Lo dichiarano le commissarie di parità Sarà Gattesco e Sabrina Morena, le consigliere comunali del Pd Rosanna Pucci, Valentina Repini e Laura Familiari, la consigliera Giorgia Kakovic (AT) e Alessandra Ricchetti (M5S), a seguito del voto espresso dalla maggioranza della Commissione pari opportunità del comune di Trieste sulla Relazione delle attività svolte lo scorso anno dalla CPO e presentata durante la seduta dello scorso lunedì 26 febbraio.
Una bocciatura che replica il precedente dello scorso ottobre, quando il programma presentato dalla presidente Paglino è stato respinto in quanto, riferiscono Morena e Gattesco, “ritenuto troppo generico e a tratti incompleto”.
Commissarie e consigliere ricordano che “la Commissione è composta da una collegialità di donne scelte a suo tempo per le elevate capacità culturali e imprenditoriali e per il loro impegno nel sociale e nella realtà cittadina, che dovevano operare per evidenziare e mettere in luce le difficoltà delle donne che vivono e lavorano a Trieste”.
“Considerato lo stallo inaccettabile delle attività e le continue divergenze”, per le esponenti della Commissione e del Consiglio comunali “è auspicabile se non necessaria una svolta nella Cpo, che ha bisogno di nuove proposte e di un cambio al vertice”.
“Occorre una ripresa costruttiva delle attività in un clima sereno e di collaborazione – aggiungono – nel rispetto della missione istituzionale della Commissione e soprattutto nell’interesse delle donne e della comunità”.
Asili nido: Rosanna Pucci (Pd), 600 senza posto in strutture comunali 

Asili nido: Rosanna Pucci (Pd), 600 senza posto in strutture comunali 

A Trieste più di 600 bambini rimarranno fuori dagli asili nido pubblici nel prossimo anno scolastico 2024-2025, poiché ci sono state richieste d’iscrizione per 1182 posti a fronte di un’offerta comunale di 551, che copre meno della metà delle domande.

Questi numeri ci parlano chiaro e ci dicono per l’ennesima volta nei fatti ciò che questa giunta di centrodestra non è riuscita a fare, e cioè a fornire un servizio fondamentale per la cittadinanza. Negli ultimi tre anni, inoltre, la situazione anziché migliorare è peggiorata e chissà quale sorpresa ci aspetta il prossimo anno se non si corre per tempo ai ripari”.
Lo afferma la consigliera comunale Pd, Rosanna Pucci, dopo la pubblicazione dei dati relativi alle iscrizioni negli asili comunali da parte del Comune di Trieste.
“Il centrodestra chiede ai giovani di metter su famiglia, di far figli – aggiunge la consigliera dem – ma a questa richiesta dovrebbero seguire delle azioni politiche concrete di sostegno, in primis quelle che agevolano la genitorialità. E il servizio dell’asilo nido è forse la più importante tra tutte, oltre ad essere significativo per lo sviluppo del bambino”.
Per Pucci “è imbarazzante far arrangiare così tante famiglie triestine fra asili privati e disponibilità dei nonni per un servizio che un Comune dal bilancio fiorente come quello di Trieste potrebbe dare”.

Scuole: Pucci (Pd): 4 piano della “Svevo” ancora chiuso

Scuole: Pucci (Pd): 4 piano della “Svevo” ancora chiuso

Questo cartello ‘Vietato l’accesso’ alla scuola Svevo è appeso ormai da troppi mesi: è giunto il momento che la giunta Dipiazza renda nota la data di riapertura del IV piano con le aule didattiche finora inaccessibili. Ho presentato un’interrogazione e una mozione al sindaco e all’assessore competente con il preciso intento di smuovere le acque e velocizzare i tempi per accedere al piano interdetto”.

La consigliera comunale Rosanna Pucci (Pd) rende noti i suoi passi formali in merito alla piena e definitiva praticabilità di tutto l’edificio della scuola secondaria “Italo Svevo” di Trieste.
“Gli uffici comunali confermano – riferisce la consigliera dem – che sono terminati i lavori per la rimozione dell’amianto, che erano l’impedimento all’utilizzo dell’ultimo piano, e dunque non si comprende perché quegli spazi così preziosi per i bambini non siano ancora pronti per essere fruibili”.
“La scuola Svevo non può rimanere mutilata per così troppo tempo – spiega Pucci – gli spazi didattico-laboratoriali servono e sono una risorsa importante, dove si possono svolgere lezioni con metodologie diverse e al contempo rappresentano essi stessi un fiore all’occhiello per attrarre più studenti nel momento delle iscrizioni. Quindi si riapra tutto il prima possibile”.

Scuole: Rosanna Pucci (Pd), garantire bus per Spaccini Sauro nel 24-25

Scuole: Rosanna Pucci (Pd), garantire bus per Spaccini Sauro nel 24-25

È una mancanza grave che le famiglie degli alunni delle scuole Sauro e Spaccini a pochi giorni dalla scadenza delle iscrizioni non abbiano ancora ricevuto conferma del servizio scuolabus per il prossimo anno scolastico. Il sindaco con l’assessore De Blasio e gli altri assessori competenti provvedano subito a garantire per il prossimo anno scolastico il trasporto gratuito, un servizio che fa gran differenza per le famiglie.
È quanto chiede la consigliera comunale Rosanna Pucci (Pd) con una mozione che impegna la Giunta a garantire il servizio dello scuolabus per l’anno scolastico 2024-2025 agli alunni trasferiti da quest’anno dalla sede di via Tigor alla ‘scuola contenitore’ ‘ex Timeus’ di San Giacomo.
“La scelta della ‘scuola contenitore’ non è stata condivisa dalle famiglie – ricorda la consigliera dem – ma in qualche modo è stata fatta ‘digerire’ con l’assicurazione del servizio gratuito del trasporto, sia pur regolamentato da vincoli numerici stringenti che a distanza di mesi sono stati rispettati”.
“Dato che la Giunta si vanta di avere un bilancio florido come non mai – aggiunge Pucci – non è credibile faccia fatica a trovare i fondi per i servizi fondamentali dedicati alla formazione primaria. È ora che la situazione si sblocchi e – conclude – si esca dall’incertezza”.
Medici di famiglia, Rosanna Pucci: sindaco Trieste faccia sua parte

Medici di famiglia, Rosanna Pucci: sindaco Trieste faccia sua parte

Carenza Mmg in 21 zone: presentata mozione in Consiglio
Il sindaco Dipiazza si attivi per richiedere alla Regione Fvg e al Ministero della Salute interventi finalizzati ad adeguare il numero dei medici di famiglia nel territorio di Trieste. E’ scritto nello Statuto del Comune di Trieste che uno degli obiettivi fondamentali da perseguire è il diritto alla salute per tutti gli abitanti, quindi è necessario che Dipiazza faccia la sua parte e solleciti chi ha competenze e poteri”.
La consigliera comunale Rosanna Pucci (Pd) rende nota la sua mozione, dedicata alla carenza dei medici di medicina generale che si fa sentire a tutti i livelli, inclusa la città di Trieste.
“Attualmente a Trieste sono ben 21 le zone carenti di medici di famiglia – spiega Pucci – ed è un numero che nel breve periodo potrebbe aumentare. Una situazione da gestire e sanare perché questi sono i medici che prestano tutti i servizi sanitari di primo contatto con le persone, sia in ambulatorio che a domicilio, ma che fanno anche prevenzione, controllo e cura delle malattie ‘croniche’.
Il compito dei medici di famiglia – aggiunge la consigliera – è anche quello di evitare accessi non necessari alle strutture ospedaliere e oggi, con gli ospedali in affanno, sappiamo quanto sia importante questa funzione”.