Asili nido: Rosanna Pucci (Pd), 600 senza posto in strutture comunali 

A Trieste più di 600 bambini rimarranno fuori dagli asili nido pubblici nel prossimo anno scolastico 2024-2025, poiché ci sono state richieste d’iscrizione per 1182 posti a fronte di un’offerta comunale di 551, che copre meno della metà delle domande.

Questi numeri ci parlano chiaro e ci dicono per l’ennesima volta nei fatti ciò che questa giunta di centrodestra non è riuscita a fare, e cioè a fornire un servizio fondamentale per la cittadinanza. Negli ultimi tre anni, inoltre, la situazione anziché migliorare è peggiorata e chissà quale sorpresa ci aspetta il prossimo anno se non si corre per tempo ai ripari”.
Lo afferma la consigliera comunale Pd, Rosanna Pucci, dopo la pubblicazione dei dati relativi alle iscrizioni negli asili comunali da parte del Comune di Trieste.
“Il centrodestra chiede ai giovani di metter su famiglia, di far figli – aggiunge la consigliera dem – ma a questa richiesta dovrebbero seguire delle azioni politiche concrete di sostegno, in primis quelle che agevolano la genitorialità. E il servizio dell’asilo nido è forse la più importante tra tutte, oltre ad essere significativo per lo sviluppo del bambino”.
Per Pucci “è imbarazzante far arrangiare così tante famiglie triestine fra asili privati e disponibilità dei nonni per un servizio che un Comune dal bilancio fiorente come quello di Trieste potrebbe dare”.