Brigata Sassari: Franecesco Russo, con Trieste legame che supera guerre

Brigata Sassari: Franecesco Russo, con Trieste legame che supera guerre

“Un legame che si è cominciato a costruire nella Grande Guerra ma che ha superato i conflitti più sanguinosi e controversi, consolidandosi nel Secondo Dopoguerra e divenendo ponte tra un fiero popolo isolano e una città come Trieste da sempre aperta ai ‘foresti’.
Ci inchiniamo ai sardi che letteralmente a migliaia diedero la vita per il sogno di Trieste italiana: la cittadinanza onoraria alla Brigata Sassari va in memoria del loro sacrificio come a quello dei caduti sardi di Nassiriya. E simbolicamente ai tanti sardi che sono ormai cittadini a tutti gli effetti nella nostra comunità, uniti a loro da affinità e rispetto, grati per il loro apporto di operosità e cultura”. E’ il pensiero del vicepresidente del Consiglio regionale Fvg e consigliere comunale triestino Francesco Russo (Pd), presente oggi alla cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria di Trieste alla Brigata Sassari.
Ovovia Ts: Francesco Russo su bocciatura Governo, Dipiazza ha taciuto

Ovovia Ts: Francesco Russo su bocciatura Governo, Dipiazza ha taciuto

L’ovovia proposta dal sindaco di Trieste, Dipiazza, ha ricevuto una sonora bocciatura da parte dei consulenti del governo e questo il primo cittadino lo sapeva. Ha tuttavia preferito tacere e nascondere questo fatto determinante ai suoi cittadini.

«Lo afferma il vicepresidente del Consiglio regionale, Francesco Russo (Pd) intervenuto oggi in una conferenza stampa durante la quale ha presentato documenti inediti che testimoniano la sostanziale bocciatura da parte del Governo del progetto dell’ovovia sostenuto dalla Giunta comunale di Trieste e da quella regionale.
Attraverso un accesso agli atti ho potuto visionare i documenti che i due massimi comitati scientifici del ministero della Cultura hanno elaborato sull’ovovia. Il risultato è incredibile, anche se molto simile a quello che abbiamo continuato a dire in questi due anni: una bocciatura totale dell’ovovia soprattutto per quanto riguarda la sua compatibilità con Porto Vecchio. Viene detto che non ci possono essere piloni, non ci possono essere cabine e anche le stazioni di arrivo e di partenza non sono compatibili con quel complesso architettonico e che c’è un grave problema di tipo ambientale. Non lo dice il centrosinistra, non lo dicono i comitati, lo dicono i maggiori esperti nazionali che sono i consulenti diretti del ministro Sangiuliano che in qualche maniera è obbligato a tener conto di queste segnalazioni» continua Russo.
«Dico al sindaco Dipiazza che è venuta l’ora di raccontare la verità, perché lui sapeva, aveva già questi documenti da ottobre dello scorso anno e li ha tenuti nascosti a noi e ai cittadini. Oggi prendiamo atto che è chiusa definitivamente la vicenda dell’ovovia, così come era stata proposta. C’è inoltre una cosa interessante: il ministero parla esplicitamente di un’alternativa. Parla del tram come di un’alternativa da realizzare in Porto Vecchio. Questo credo sia il modo per evitare di perdere i 64 milioni che altrimenti sarebbero una grandissima responsabilità del sindaco di Trieste e della sua Giunta».

Europa: Amendola, Trieste e porto da valorizzare 

Europa: Amendola, Trieste e porto da valorizzare 

Summer Institut è progetto d’interesse
 
Il Summer Institute è un progetto d’interesse, che può rientrare tra i progetti per il rilancio:: Trieste e il suo porto non sono solo una questione italiana ma europea, che tocca la sostenibilità ambientale e l’energia, i trasporti e i dati. La proiezione naturale e le relazioni solide con i Balcani fanno di Trieste una porta d’Europa da valorizzare. A un anno dall’accordo sul Next Generation EU è il momento di dare concretezza alle risorse e ai progetti del PNRR, per cui Trieste sarà certamente protagonista”.
 
Lo ha detto il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri Vincenzo Amendola, nel corso di un incontro con alcuni rappresentanti delle istituzioni scientifiche del capoluogo giuliano.
È stato Stefano Fantoni, già champion di Esof 2020, a spiegare al sottosegretario il progetto di
 
istituire a Trieste un Summer Institute dedicato alla sostenibilità, sul modello statunitense di Santa Fe o Santa Barbara, che in Italia manca del tutto. Qui apriamo un dialogo tra scienza, imprenditoria e decisori politici. Accettiamo la sfida della sostenibilità e guardiamo attraverso l’Adriatico verso i Balcani”.
 
 
All’incontro, cui hanno partecipato anche il vicepresidente del Consiglio regionale Francesco Russo e il consigliere regionale Roberto Cosolini, la Segretaria provinciale del PD e Consigliera comunale Laura Famulari, il professor Sandro Scandolo dell’Abdus Salam International Centre for Theoretical Physics (ICTP) ha inoltre evidenziato
 
il contesto ricchissimo di ricercatori del territorio e la forte sinergia tra le istituzioni scientifiche triestine, insieme all’eredità di Esof e agli accordi come quello tra la Regione Friuli Venezia Giulia e Snam”.
 
Famulari: l’assemblea del Pd appoggia Russo candidato sindaco

Famulari: l’assemblea del Pd appoggia Russo candidato sindaco

“Appoggio pieno all’ipotesi di candidatura a sindaco di Trieste di Francesco Russo, auspicando che le sue condizioni personali rendano possibile quanto prima sciogliere ogni riserva in questo senso”.

Si è espressa così l’Assemblea provinciale del Partito Democratico di Trieste, riunita ieri sera, ufficializza la posizione del partito sulla figura del vicepresidente del Consiglio regionale Francesco Russo, quale candidato a primo cittadino del capoluogo giuliano.
“Un passaggio non solo formale – spiega la segretaria provinciale Pd Laura Famulari – ma pieno di sostanza politica e programmatica. Il Pd indica un candidato con un profilo di competenze, di innovazione e cambiamento, di cui oggi Trieste ha assoluto bisogno. Occorre una netta sterzata dall’inerzia della gestione Dipiazza e uscire dal tunnel della decadenza: serve aria nuova”.
“L’assemblea ha anche approvato – aggiunge la segretaria – il documento ‘Trieste Rinasce’, che rappresenta la base programmatica in vista delle elezioni amministrative, su cui cominciare a  lavorare da qui in avanti, anche assieme alla coalizione che si costruirà attorno al candidato sindaco. Una Trieste dove c’è lavoro, che investe sempre di più sul suo porto e sull’industria sostenibile, verde, pulita e solidale, più vivibile per giovani e anziani, attenta alle periferie e alla cultura per tutti: idee semplici – conclude – ma essenziali che aspettano di essere realizzate”.

Regione: bocciato l’emendamento Russo per salvare la Pallamano Trieste

Regione: bocciato l’emendamento Russo per salvare la Pallamano Trieste

Ha votato compattamente la maggioranza di centrodestra della Regione FVG, compresi il presidente Fedriga e l’assessore triestino Roberti, contro l’emendamento presentato dal consigliere Pd Russo per alleviare la difficile situazione in cui versa la società Pallamano Trieste. “Bastavano 50.000 euro – denuncia Russo – ovvero appena lo 0,0001% del bilancio regionale per sostenere la gloriosa società triestina ed evitare che il suo cinquantesimo anniversario sia anche l’ultimo”. Una boccata d’ossigeno per la stagione 2019-2020: questo proponeva l’emendamento al ddl n. 54 “Disposizioni multisettoriali per esigenze urgenti del territorio regionale”, che la maggioranza ha respinto, di fatto senza proporre alcuna misura alternativa.

Il rammarico del consigliere Russo è ora per il mancato gioco di squadra che si augurava potesse realizzarsi da parte di tutta la politica triestina, a prescindere dalle appartenenze e dalle bandiere. L’investimento, del resto, non era cospicuo e avrebbe contribuito a salvare “non solo una squadra che si fa onore sui campi di tutta Italia, ma soprattutto il lavoro straordinario che la società svolge da tanti anni con tanti giovani del vivaio e delle scuole triestine”.