Altura: Salvati (Pd), ultimo appello per invertire degrado

Altura: Salvati (Pd), ultimo appello per invertire degrado

Per Altura è probabilmente l’ultimo appello. La proprietà mette in vendita l’edificio che ospitava l’ex centro commerciale di Altura e l’Amministrazione comunale ha l’occasione per fare la sua parte e invertire il degrado di un rione che non merita questo abbandono. Ci sono milioni in cassa al Comune, altri potrebbero arrivare dall’assestamento regionale: non ci sono più alibi per non fare almeno il sopralluogo richiesto da mesi. Andiamo a verificare lo stato della struttura, ad ascoltare le istanze della società proprietaria della struttura e soprattutto a parlare con i cittadini residenti”.

Il consigliere comunale Luca Salvati (Pd), annunciando una mozione e un emendamento al bilancio, torna a richiamare l’attenzione della Giunta comunale sul rione di Altura e in particolare sulle opportunità rappresentate dal riutilizzo del complesso dell’ex centro commerciale di via Alpi Giulie.

“E’ già stato avviato un percorso di partecipazione – ricorda il consigliere dem – dal Comitato di Altura in collaborazione con la Lega Spi Cgil di Domio e questo è il momento per elaborare un progetto con i residenti per ridare al rione servizi essenziali quali uno sportello postale, uno o più negozi, lo studio di un medico di base. La Giunta Dipiazza – scandisce Salvati – deve finalmente dare ascolto alle richieste dei cittadini.

“Dopo anni che li denunciamo – conclude il consigliere del Pd – i problemi dei residenti sono sempre là che chiedono risposte. Anzi il passare del tempo aggrava le condizioni di vita dei cittadini e degrada lo stabile. Basta perdere tempo”.

Centri estivi e Ricrestate, Salvati (PD): ancora molto da fare per rispondere all’alto numero di domande

Centri estivi e Ricrestate, Salvati (PD): ancora molto da fare per rispondere all’alto numero di domande

Si è svolta questa mattina la V commissione consiliare richiesta dal PD, a prima firma del Dem Luca Salvati, a tema centri estivi e Ricrestate.

Come sottolineato dalle mamme presenti in commissione, continuano a non essere considerati alcuni criteri importanti, tra questi l’assenza del punteggio per continuità. Si chiede che, a chi frequenta il ricreatorio invernale o il SIS, venga riconosciuto un punteggio maggiore.

Altro punto importante da considerare, la disparità verso i ragazzi grandi in quanto, a parità di punteggio, entra il minore più piccolo, escludendo di fatto tutta la fascia dalla quarta primaria in su, a meno che non si abbiano fratelli/sorelle più piccoli. Mancano, inoltre, le alternative comunali al Ricrestate in caso non si venga presi e si abbiano più di 11 anni: fino a quell’età, le famiglie possono optare per centri estivi comunali o Ricrestate, mentre dagli 11 anni in su, solo per Ricrestate. Ultimo, ma non meno importante, manca un punteggio per i Ricrestate dedicato alla L. 104.

“Personalmente” aggiunge il Dem Salvati “ho sottolineato l’importanza di avviare convenzioni come quella con le società sportive, come avvenuto durante il Covid, sperimentazione che si è rilevata essere positiva e molto apprezzata dall’utenza. A fronte di un incremento di 1300 domande rispetto al 2023, distribuite tra nidi, infanzia, primarie, Ricrestate – continua Salvati – l’Amministrazione comunale aumenta le risorse di appena 75.000 euro, pur avendo a disposizione un avanzo libero di bilancio pari a 8.300.000.”

“Per questo motivo – conclude il consigliere dem – in fase di discussione del bilancio, presenteremo un emendamento volto a chiedere che vengano destinate maggiori risorse per Ricrestate e centri estivi, in modo da rispondere alle maggiori domande da parte delle famiglie.”

Per concludere, abbiamo oggi richiesto di trovarci in autunno per verificare i dati a consuntivo e procedere alla costituzione di un tavolo con rappresentanti degli istituti scolastici e parte politica per individuare i criteri di ammissione ai centri estivi e Ricrestate per il prossimo anno.

Disagio giovanile, approvata la mozione dei dem Repini e Salvati 

Disagio giovanile, approvata la mozione dei dem Repini e Salvati 

La condivisione da parte della Giunta di una mozione del Pd sul disagio giovanile è un fatto rilevante e un’occasione per occuparsi seriamente di fenomeni ormai diffusi e allarmanti, come l’abbandono scolastico e la comparsa di bande giovanili che in varie zone di Trieste si rendono protagoniste di condotte devianti ai danni di cose o persone”.

I consiglieri comunali dem Valentina Repini e Luca Salvati esprimono la loro soddisfazione dopo che martedì sera la loro mozione recante “Interventi urgenti per il contrasto al disagio giovanile”, è stata fatta propria dall’assessore comunale alle Politiche sociali Massimo Tognolli.

Nell’articolata mozione, che ora contribuirà a indirizzare le politiche dell’Amministrazione comunale, viene data preminenza all’attività e ai servizi di prevenzione per intervenire sul disagio giovanile. Riguardo ai casi più gravi, di disturbo della quiete pubblica, di atti di vandalismo e bullismo o di microcriminalità, si dà indicazione di offrire, da parte della Polizia Municipale e delle Forze dell’ordine in coordinamento con altri servizi comunali e di enti terzi, presidi periodici e sistematici sul territorio, sui giardini e sulle piazze più problematiche e segnalate dai cittadini.

In termini pratici, il documento invita la Giunta e il sindaco “a farsi promotore di un tavolo congiunto con tutti gli attori presenti sul territorio (scuola, enti religiosi, associazioni di genitori, realtà sportive e culturali, Asugi, cooperative che operano nel settore giovanile, forze dell’ordine etc. etc.) per prevenire e combattere il disagio giovanile”, ad attuare “progetti innovativi intergenerazionali e di coinvolgimento delle scuole, del volontariato e dell’associazionismo”, oltre che “a individuare risorse umane e finanziarie per potenziare le politiche giovanili integrate”.

Proprio in merito alle risorse, Repini e Salvati ricordano che “dal 2016 è stato istituito a livello nazionale il Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, destinato al sostegno di interventi sperimentali finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori”.

Rinvio lavori «cubone»: Salvati (PD), le società sportive meritano attenzione non sterili promesse

Rinvio lavori «cubone»: Salvati (PD), le società sportive meritano attenzione non sterili promesse

Le società sportive triestine meritano attenzione e rispetto concreti, non vuote e sterili promesse”. Ad affermarlo il consigliere comunale del PD, Luca Salvati, in relazione all’ennesimo rinvio nell’avvio dei lavori, con ulteriore lievitazione di costi, per il completamento del centro polisportivo di San Giovanni, conosciuto come “cubone”.

“La vicenda”, ricorda Salvati, “è iniziata una quindicina d’anni fa, con la decisione di trasformare un vecchio deposito bus in struttura sportiva. Da allora si è andati avanti di ritardo in ritardo e di promessa in promessa”.
“In particolare vorrei ricordare due circostanze in cui si poteva sperare che l’iter finalmente si sbloccasse. La prima, a pochi giorni dalle elezioni comunali del 2021, quando la Giunta Dipiazza ha annunciato di aver stanziato altri due milioni per completare l’opera. Fu però una pura speculazione elettorale visto che era l’8 marzo scorso, tre mesi fa” ricorda ancora Salvati “che l’assessora Lodi e il dirigente Fantini hanno illustrato il progetto e annunciato formalmente che i lavori erano stati appaltati e sarebbero partiti alla fine dello stesso mese, per concludersi in 400 giorni di calendario”.

“È ancora tutto fermo. Nel frattempo i costi sono schizzati alle stelle e abbiamo mestamente appreso che il Comune si è anche impegnato in una ‘sarabanda di incarichi professionali’. È la storia infinita. Intanto le società che aspettano come la manna di poter disporre di un impianto in più in una città che già ne ha pochi e mal mantenuti, devono rassegnarsi ad attendere ancora”.

“Ma quanto?” si chiede ancora il consigliere Salvati. “Sempre che non finisca come la galleria di Montebello, andrà predisposto il bando per gli arredi (reti, canestri, mobili, etc) e andrà deciso a chi affidarne la gestione e a quali condizioni. Forse si potrebbe provare almeno ad anticipare l’avvio di queste procedure. A meno che l’obiettivo dell’assessore Lodi non sia di inaugurare l’impianto prima delle prossime elezioni comunali… E nel frattempo saranno passati vent’anni. La Giunta Dipiazza ama lo sport solo a parole”, conclude uno sconsolato Luca Salvati.

Ovovia: Peretti-Salvati (PD), da Ministeri pietra tombale su progetto

Ovovia: Peretti-Salvati (PD), da Ministeri pietra tombale su progetto

Il lavoro coordinato del Comitato “No Ovovia” assieme alle associazioni ambientaliste, ai partiti e agli scienziati e tecnici di molte aree ha oggi segnato un risultato sorprendente con la risposta definitiva dei Ministeri delle Finanze e dell’Ambiente. Il PD di Trieste, impegnandosi a tutti i livelli, ha contribuito con tenacia a questo esito grazie alle interrogazioni sia a Roma che in Europa, al lavoro del gruppo consigliare comunale e regionale, tutte attività avviate sin dai primi momenti e non certo per campagna elettorale.

I calcoli di sostenibilità esposti dal Dott. De Pinguente, poi, parlano da soli: già i soli costi di gestione porterebbero una perdita nell’ordine di 2,8 milioni all’ anno. E poi i costi per successivi monitoraggi e interventi, nell’ordine di un milione e 150 mila euro per i 10 anni previsti, tutti a carico dei triestini solo per un errore diventato puntiglio politico.

Paolo Peretti, coordinatore del forum PD Porto e Trasporti, intervenuto alla conferenza stampa di questa mattina, ha evidenziato che “tutti i candidati alle europee del PD per il Nordest, dal presidente del partito Bonaccini a Sara Vito, candidata FVG, hanno sottoscritto l’impegno di contrastare il progetto Ovovia.” Facendo seguito a quanto detto dal presidente del comitato Willian Starc sul parere negativo dei due ministeri, Peretti ha aggiunto che “pur essendoci valide alternative come il tram ferroviario che parte da campo Marzio e arriva a Rozzol, già agibile, la giunta comunale insiste con arroganza a non amministrare nell’interesse dei cittadini ma a comandare.”

Luca Salvati, consigliere comunale dem, anch’egli presente alla conferenza stampa: “La pietra tombale sull’Ovovia l’hanno messa i Ministeri dell’Ambiente e delle Finanze. Le loro risposte alle richieste di chiarimento del Comitato No Ovovia mettono fine a una farsa durata quattro anni con spreco di denaro pubblico e impiego del personale comunale, e soprattutto con la maggioranza dei cittadini contraria al progetto.”

Gestione stadi, il dem Salvati replica a Giacomelli, Cinquepalmi, Tremul

Gestione stadi, il dem Salvati replica a Giacomelli, Cinquepalmi, Tremul

Non si placa la polemica sulla gestione degli stadi Grezar e Rocco. Se si sono schierati anche il consigliere regionale Claudio Giacomelli e due consiglieri comunali di Fratelli d’Italia, Gabriele Cinquepalmi e Corrado Tremul, significa che le parole del consigliere dem Luca Salvati hanno toccato un punto sensibile sulla questione della Triestina e tante altre: il grande capo dei patrioti locali certo sa che l’assessora Lodi è problema gigantesco per la giunta e per FDI e deve correre in difesa.
I rappresentanti di FDI facciano ‘mea culpa’ invece di continuare imperterriti e temerari a difendere l’indifendibile: qualsiasi sia la delega, in tutte le partite significative della città, Lodi ha dimostrato di essere clamorosamente inadeguata e il suo operato è sotto gli occhi di tutta la cittadinanza: dal tram di Opcina alla Galleria di Piazza Foraggi, i fallimenti sono accertati, e anche sullo sport ormai la misura è colma da un pezzo.”
Così il consigliere comunale PD Luca Salvati.
Nel caso oggetto della bizzarra replica di Fratelli d’Italia, si sono espressi chiaramente i vertici della FIDAL per l’atletica e i gruppi del tifo organizzato per la Triestina, anche nell’ultima partita in casa contro il Novara, con cori e striscioni discutibili ma inequivocabili.
Ringraziamo i vertici di Fratelli d’Italia che continuano a sostenere l’operato della loro assessora, perché così semplificano l’opposizione e soprattutto aiutano le persone di buon senso a farsi un’opinione chiara su chi amministra Trieste.
Pulizia strade: Luca Salvati, per la destra problema non esiste

Pulizia strade: Luca Salvati, per la destra problema non esiste

Richiesto di impegnarsi nella pulizia delle strade di Trieste, il centrodestra ha negato l’evidenza e trasformato la questione in mera bagarre politica. Stanno dicendo di ‘no’ ai tanti triestini insoddisfatti di un servizio costoso e carente, di cui si lamentano legittimamente.

Lo afferma il consigliere comunale Luca Salvati (Pd), all’esito di quanto emerso oggi nella Terza commissione consiliare.
“Ricordiamo bene – puntualizza il consigliere – quando la destra era all’opposizione: non mancava mai di denunciare il problema, additando gli avversari al governo come unici responsabili del degrado. Ora invece, dopo anni e anni che al governo ci sono loro, il problema non esiste più e anzi ci sono cittadini che hanno percezioni distorte della realtà e non si rendono conto di quanto sia pulita Trieste”.
“Ci impegniamo a fornire all’Amministrazione una lista puntuale dei luoghi – annuncia Salvati – dove serve una maggior pulizia di strade e marciapiedi. Auspichiamo che dinanzi all’evidenza l’assessore competente si attivi e non la prenda sul piano personale, come purtroppo sta accadendo ultimamente. Ci rendiamo conto che eredita il disastro lasciato dal suo predecessore ma questo – conclude l’esponente dem – è un motivo in più per affidarsi anche agli stimoli dell’opposizione e dei cittadini”.

Verde pubblico: Luca Salvati (Pd), in via Dandolo promesse non mantenute

Verde pubblico: Luca Salvati (Pd), in via Dandolo promesse non mantenute

Due anni sono passati e in via Dandolo non si vede l’ombra del ritorno del verde distrutto da RFI. Il sindaco Dipiazza si era pubblicamente preso l’impegno con i residenti di prendere in concessione l’area dalle Ferrovie e crearvi un’area verde, ma nulla è stato fatto. Chissà se ricorda le sue parole: ‘una volta finita la distruzione, vogliamo iniziare la ricostruzione’.
Noi non dimentichiamo le promesse non mantenute e perciò ho depositato un’interrogazione per sapere a che punto siamo e se ci sono almeno dei propositi di intervento”. Il consigliere comunale Luca Salvati (Pd) rende nota la sua interrogazione con richiesta di risposta scritta e in Aula in merito all’area verde di via Enrico Dandolo annunciata dal sindaco Dipiazza, che avrebbe dovuto compensare l’abbattimento di tutti gli alberi da parte di Rete Ferroviaria Italiana.
“Dopo tutto il tempo trascorso la Giunta deve almeno dire – sono le richieste di Salvati – se e quali atti formali sono stati fatti per richiedere la disponibilità dell’ex area verde a RFI, e se esistono un progetto e le relative risorse per riconvertire l’area dismessa e metterla a disposizione della cittadinanza”.
Amianto, Luca Salvati, ok nuovi locali a Associazione Esposti

Amianto, Luca Salvati, ok nuovi locali a Associazione Esposti

Siamo soddisfatti che l’Amministrazione comunale stia cominciando a prestare ascolto alle nostre sollecitazioni sulle problematiche connesse all’amianto. Auguriamo all’Associazione Esposti Amianto di continuare con crescente efficacia il servizio al pubblico.
Siamo consapevoli che a livello normativo nazionale ma anche territoriale c’è ancora molto da fare per dare il giusto riconoscimento alle vittime e ai loro familiari. Perciò auspichiamo che la consegna di questi locali possa segnare un inizio”.
Lo ha detto il consigliere comunale Luca Salvati (Pd), oggi alla consegna, da parte dell’Amministrazione comunale all’Associazione Esposti Amianti, di alcuni locali siti in piazza XXV Aprile.
“Dall’inizio del mandato abbiamo posto in maniera chiara e puntuale il tema dell’amianto”, ricorda Salvati “anche con una mozione che chiedeva di attivare uno sportello ad hoc per coordinare le attività di competenza del Comune in maniera di mappatura degli edifici e la rimozione dei rifiuti contenenti amianto”.
Poste, Luca Salvati e Giovanni Barbo, petizione per servizi a Trieste

Poste, Luca Salvati e Giovanni Barbo, petizione per servizi a Trieste

“Uffici postali chiusi, organici sottostimati e recapiti fuori tempo massimo. I cittadini si lamentano e hanno ragione, per questo abbiamo lanciato una petizione per chiedere a Poste Italiane SpA di migliorare i servizi postali nel Comune di Trieste. Ma sappiamo che è un problema che riguarda anche altri territori della regione”.
Rendono nota l’iniziativa i consiglieri comunali del Pd Luca Salvati e Giovanni Barbo, assieme al capogruppo dem in Quinta Circoscrizione Carlo De Donato, coordinatore dei consiglieri circoscrizionali del Pd.
“Arrivano continuamente segnalazioni di bollette o altre cose da pagare scadute almeno da una settimana o capita anche di trovare inviti oramai inutili perchè sorpassati. Gli uffici postali e la consegna puntuale della corrispondenza sono servizi pubblici fondamentali, per le persone anziane ma non solo, e dovrebbero garantire tempi di attesa accettabili e condizioni di comfort durante l’attesa”.
La petizione si può sottoscrivere nella sede provinciale del Pd di Trieste in via della Geppa 9 durante gli orari di apertura, nei circoli del partito e anche nei seguenti esercizi pubblici: Bar Vittoria, Via Locchi 38; Tergesteo Citybar, P.zza della Borsa 14; Bar Sangiovanni, Via San Cilino, 40/a; Harry’s Bar, Via Carducci 2;  L’ Oasi del Gelato, Via dell’ Eremo 259; Bar X, Via del Coroneo 11; Circolo Auser Pino Zahar, Via Pasteur 41/d.