Pucci, ancora esilio per 300 bimbi della Duca d’Aosta

Pucci, ancora esilio per 300 bimbi della Duca d’Aosta

“La giunta Dipiazza ha confermato il ritardo dei lavori alla scuola primaria Duca d’Aosta, il cui termine a questo punto è rimandato a gennaio del 2023, quindi gli alunni non rientreranno nella loro sede con il nuovo anno scolastico. I bambini della D’Aosta, trasferiti nella scuola contenitore ex Timeus, continueranno a condividere gli spazi con la scuola Slataper, incluse la palestra e la mensa. La giunta Dipiazza annunciava il rientro per la metà dell’anno scolastico 2020-2021 o al più tardi all’inizio del ’22: ora è ufficiale che non sarà così e per 300 bambini continuerà l’esilio iniziato quattro anni fa. Di questa risposta non sono insoddisfatta io, ma tutte le famiglie che continueranno a subire disagi, che hanno determinato una forte diminuzione delle iscrizioni e la cancellazione di una prima classe a tempo pieno”. Lo dichiara la consigliera comunale Rosanna Pucci (Pd) commentando la risposta, da parte dell’assessore ai Lavori pubblici Elisa Lodi, alla sua interrogazione sulla “Conclusione lavori di manutenzione straordinaria scuola primaria ‘Duca d’Aosta’ – Istituto Comprensivo ‘Antonio Bergamas’.

Barbo, chiarire costi e ricavi mostra Frieda Kalho

Barbo, chiarire costi e ricavi mostra Frieda Kalho

Quadro venduto a 1,5 mln a fronte di 6000 euro da società organizzatrice
“La vendita, per un milione e mezzo di euro, dell’unico quadro originale esposto nella mostra ‘Frieda Kalho. Il caos dentro’ pone interrogativi e richiede che l’Amministrazione chiarisca aspetti specifici delle modalità di assegnazione e gestione della mostra. Non sappiamo infatti se in fase di trattativa sia stato ipotizzato, dalla società Navigare S.r.l., che fra le entrate confluissero i ricavati dalla possibile vendita di opere esposte nella mostra realizzata nel Salone degli Incanti, laddove tra le entrate della mostra, spettanti a Navigare S.r.l., sono citati solo i biglietti d’ingresso. E chiediamo se, proprio alla luce del ricavato della vendita dell’opera, l’Amministrazione ritiene ancora congruo il corrispettivo forfettario pattuito, pari a seimila euro, o intende porre il tema a Navigare Srl”. Sono le domande poste dal capogruppo Pd nel Consiglio comunale di Trieste Giovanni Barbo, a seguito della notizia che l’unica opera originale (“Piden aeroplanos y les dan alas de petate” / “Chiedono aeroplani e gli danno ali di paglia”)  esposta nell’ambito della mostra “Frieda Kalho. Il caos dentro è stata venduta ad un collezionista privato per un milione e 500 mila euro.
Il consigliere dem ricorda che “per la realizzazione della mostra il Comune di Trieste ha messo a disposizione della società Navigare S.r.l. l’ex Pescheria – Salone degli Incanti per tutto il periodo della mostra e si è assunto i costi per le spese vive relative al funzionamento dell’edificio (fornitura di energia elettrica, acqua, riscaldamento) per tutto il periodo della mostra a fronte di un corrispettivo forfettario di seimila euro corrisposto da Navigare Srl. Il preventivo dei costi – precisa Barbo – per la realizzazione della mostra fornito da Navigare S.r.l. è pari a euro 631.320”.

Barbo, chiarire costi e ricavi mostra Frieda Kalho

Barbo, chiarire costi e ricavi mostra Frieda Kalho

Quadro venduto a 1,5 mln a fronte di 6000 euro da società organizzatrice
“La vendita, per un milione e mezzo di euro, dell’unico quadro originale esposto nella mostra ‘Frieda Kalho. Il caos dentro’ pone interrogativi e richiede che l’Amministrazione chiarisca aspetti specifici delle modalità di assegnazione e gestione della mostra. Non sappiamo infatti se in fase di trattativa sia stato ipotizzato, dalla società Navigare S.r.l., che fra le entrate confluissero i ricavati dalla possibile vendita di opere esposte nella mostra realizzata nel Salone degli Incanti, laddove tra le entrate della mostra, spettanti a Navigare S.r.l., sono citati solo i biglietti d’ingresso. E chiediamo se, proprio alla luce del ricavato della vendita dell’opera, l’Amministrazione ritiene ancora congruo il corrispettivo forfettario pattuito, pari a seimila euro, o intende porre il tema a Navigare Srl”. Sono le domande poste dal capogruppo Pd nel Consiglio comunale di Trieste Giovanni Barbo, a seguito della notizia che l’unica opera originale (“Piden aeroplanos y les dan alas de petate” / “Chiedono aeroplani e gli danno ali di paglia”)  esposta nell’ambito della mostra “Frieda Kalho. Il caos dentro è stata venduta ad un collezionista privato per un milione e 500 mila euro.
Il consigliere dem ricorda che “per la realizzazione della mostra il Comune di Trieste ha messo a disposizione della società Navigare S.r.l. l’ex Pescheria – Salone degli Incanti per tutto il periodo della mostra e si è assunto i costi per le spese vive relative al funzionamento dell’edificio (fornitura di energia elettrica, acqua, riscaldamento) per tutto il periodo della mostra a fronte di un corrispettivo forfettario di seimila euro corrisposto da Navigare Srl. Il preventivo dei costi – precisa Barbo – per la realizzazione della mostra fornito da Navigare S.r.l. è pari a euro 631.320”.

Pucci (Pd), ok mensa alla “Dardi”, ora tocca al giardino

Pucci (Pd), ok mensa alla “Dardi”, ora tocca al giardino

“Anche se in ritardo, finalmente gli alunni della ‘Dardi’ non mangeranno più in palestra bensì in uno spazio idoneo e adeguato al consumo dei pasti: dopo l’interrogazione che ho depositato il Comune si è smosso. Ora tocca al giardino interno, che ora è in pessime condizioni e che andrebbe riqualificato per diventare una preziosa ‘aula’ verde all’aperto dove svolgere le attività educativo-didattiche e ludiche. Spero che il Comune saprà dar seguito in tempi ragionevoli anche a questa richiesta”. Lo afferma la consigliera comunale di Trieste Rosanna Pucci (Pd) dopo l’annuncio oggi in conferenza stampa, dagli assessori comunali ai Lavori pubblici Elisa Lodi e all’Educazione Nicole Matteoni, dell’avvio dell’intervento manutentivo presso la scuola primaria “Ferruccio Dardi ” che potrà contare su una nuova sala mensa.

Barbo (Pd), incontrare in capigruppo sindacati Cartubi

Barbo (Pd), incontrare in capigruppo sindacati Cartubi

Comune si impegni a prevenire perdita di posti di lavoro

“Il licenziamento di nove lavoratori di una società che non è in crisi ma vuole procedere a una ristrutturazione industriale deve essere preso in carico anche dal Comune di Trieste, perciò chiediamo che i sindacati siano invitati nella capigruppo. Non vorremmo che i nove della Cartubi aprano la strada ad altri licenziamenti, a difendere i posti di lavoro dev’esserci tutta la città”. Lo dichiara il consigliere comunale e vicesegretario Pd di Trieste Giovanni Barbo, dopo l’annuncio che   la Cantieri navali Cartubi srl, sita nell’ex Arsenale di via von Bruck, licenzierà nove addetti per riorganizzare le attività produttive.
“Il Pd ha chiesto più volte che il tema delle crisi e delle riconversioni industriali venisse messo all’ordine del giorno – ricorda il consigliere dem – delle commissioni e del Consiglio comunale, ma dalla giunta Dipiazza solo silenzio. Ora bisogna prevenire per evitare che comincino anche nella nostra città le perdite di posti di lavoro già viste in altre parti d’Italia: il Comune pretenda che si rispetti scrupolosamente quanto contenuto nell’accordo sottoscritto a giugno tra il Governo, i sindacati e le associazioni delle imprese che – ribadisce Barbo – impegna le aziende a esaurire tutti gli ammortizzatori sociali a disposizione prima di procedere alla risoluzione dei rapporti di lavoro”.

A Trieste ci vuole un «Cineporto»: spazio dedicato alla fabbrica dei film in Porto Vecchio

A Trieste ci vuole un «Cineporto»: spazio dedicato alla fabbrica dei film in Porto Vecchio

Industria cinematografica in ripresa, cogliamo opportunità

La realizzazione di un ‘cineporto’ in Porto Vecchio porterebbe notevoli ricadute economiche e culturali a Trieste, facendo compiere un ulteriore salto al settore della produzione cinematografica, già trainato dall’eccellente lavoro della FVG Film Commission e del Fondo Regionale per l’Audiovisivo.  La location sarebbe ideale per la logistica, con magazzini e ampi spazi di manovra per i camion delle produzioni, e al tempo stesso facile da raggiungere per l’utenza di iniziative culturali”.
E’ la proposta della coordinatrice del Forum Cultura del Pd di Trieste, Marina Coricciati, e del consigliere comunale dem Giovanni Barbo. Un “cineporto” è una struttura destinata alle produzioni cinematografiche, che ospita uffici, spazio sartoria e costumi, sala casting, sala «trucco e parrucco», depositi e laboratori per le scenografie, ed eventualmente offre spazi per l’allestimento di mostre e installazioni, 


L’industria cinematografica si sta riprendendo dal periodo pandemico e ciò viene confermato – indica Coricciati – anche dal fatto che in questi giorni stanno ripartendo le riprese di film e serie tv a Trieste, dove per tutto l’anno sono calendarizzati set, con positivo indotto per la città. Il Pd sostiene la creazione di  infrastrutture che favoriscono questo settore, puntando ad abbinare l’offerta turistica della città alle attività e ai prodotti delle industrie culturali e creative del settore cinematografico”.

In Italia abbiamo esempi di cineporti in Piemonte e Puglia che – aggiunge Barbo – hanno incentivato lo sviluppo della filiera produttiva e le possibilità di intensificare l’attività di promozione cinematografica e lo scambio con il mondo dell’imprenditoria. A Trieste abbiamo una tradizione consolidata, gli spazi e l’opportunità: non perdiamo l’occasione”.

 

Scuola: servizi integrativi con stesse rette e meno posti

Scuola: servizi integrativi con stesse rette e meno posti

 

Da assessore Brandi nessuna volontà di garantire continuità a SIS
Nota del Gruppo Pd nel sesto Consiglio circoscrizionale

In data mercoledì 2 settembre 2020 si è tenuta la seduta di Consiglio della VI Circoscrizione, alla presenza dell’assessore Brandi, con all’ordine del giorno l’unico punto “il nuovo anno scolastico”.
L’assessore Brandi con delega all’Educazione e alla scuola, ma anche al Decentramento, ha chiesto che l’incontro avvenisse a porte chiuse, violando gli articoli n. 1 e n. 14 del regolamento riguardante il funzionamento delle Circoscrizioni che recitano rispettivamente che “Il Consiglio circoscrizionale è strumento di partecipazione dei cittadini alla vita pubblica” e che “le sedute dei Consigli circoscrizionali
sono pubbliche”. Così facendo l’assessore si è poi sottratto ai primi doveri di un pubblico amministratore: il confronto con i cittadini e i soggetti coinvolti nella questione, nello specifico famiglie e scuole. Nonostante questo, come gruppo PD della VI Circoscrizione abbiamo partecipato alla seduta con senso di responsabilità e secondo il mandato affidatoci dai cittadini.
A fine incontro il nostro disappunto si è trasformato in profonda delusione date le risposte evasive e non esaustive forniteci dall’Assessore, nonché per la mancanza di volontà di adoperarsi affinché in particolare il servizio di pre-accoglimento previsto con il SIS, indispensabile per molte famiglie, possa trovare continuità.
Ancora: le rette del SIS continueranno ad essere le stesse, nonostante il servizio ridotto, e i ricreatori non potranno accogliere lo stesso numero di bambini dell’anno scorso.
Questi elencati sono solo alcuni dei disagi cui le famiglie andranno incontro con l’inizio del nuovo anno scolastico.
Invitiamo l’Amministrazione Dipiazza a fare molto di più, stipulando accordi con il territorio per poter usufruire di ulteriori spazi, garantendo l’accesso ai ricreatori allo stesso numero di bambini degli anni passati con un numero congruo di educatori, attivandosi per garantire alle famiglie il servizio di pre-accoglimento presso gli istituti scolastici che abbiano spazi idonei (come da richiesta delle famiglie dell’Istituto IQBAL MASIH).
Ci permettiamo infine di invitare l’Amministrazione a collaborare con la Regione, referente per gli istituti superiori, coordinandosi per non lasciare inutilizzati spazi che potrebbero essere indispensabili a scongiurare la didattica a distanza in un periodo di non emergenza.
Un’amministrazione che si è sempre dichiarata dalla parte dei cittadini ha l’obbligo di dare maggiori risposte ai cittadini stessi e alle famiglie. E di rassicurarli, non negandosi al confronto pubblico.

Luca Salvati, Sandra di Febo, Gentian Metani e Elisabetta Schiavon
Partito Democratico della sesta Circoscrizione

 

Forum Cultura: il report degli incontri del 19/12/2019 e 1/2/2020

Il Forum Cultura si è riunito il 19 dicembre e il I febbraio 2020: la responsabile Marina Coricciatti riassume spunti e progetti emersi nel corso dei due partecipati incontri

 

Durante il primo incontro (19 dicembre) del Forum Cultura abbiamo delineato il modus operandi del gruppo, che consisterà in circa un incontro (o più, se possibile) al mese sia su tematiche generali che specifiche. Questi incontri avranno forma di dibattito, brain-storming e analisi dei diversi temi.

Ci saranno poi degli incontri con il pubblico, durante i quali potrà essere raccontata una best-practice su un tema specifico, oppure si ospiteranno persone autorevoli nel proprio campo, che ci aiutino a costruire un ragionamento focalizzato sulle future proposte. Senza anticipare troppo, un’idea è quella di portare a conoscenza dei cittadini quelle che sono le buone pratiche innovative nella gestione partecipativa dei beni culturali, in modo tale da trarne un’ispirazione per la costruzione del futuro di Trieste.

Il ragionamento fatto con i partecipanti si è focalizzato su più punti. Si è evidenziato che troppo spesso ci si concentra sulle aree del centro città, escludendo di fatto le zone periferiche, che esse siano il rione di Borgo San Sergio o l’Altipiano. Si terranno quindi degli incontri nei territori delle varie circoscrizioni, con il coinvolgimento dei circoli e delle microaree.

Tra i grandi assenti in città si annoverano i concerti, pressoché scomparsi da questa città che negli anni passati ha visto passare importanti band e cantanti (per citarne alcuni: Green Day, Bruce Springsteen, Pearl Jam, Iron Maiden). Sono eventi che attirano tutte le fasce di età e che portano presenze in città. L’impatto economico, occupazionale e culturale sulla vita delle città è notevole. Il grande evento inoltre rafforza il marketing della città, rendendola più attraente agli occhi dei turisti e perché no, dei suoi stessi abitanti.

Risulta necessario identificare i campi di intervento e i punti di forza della città, andando così a “colpire” punti chiave. Trovare cosa manca e riempirlo con proposte concrete e fattive.

Un’azione fondamentale è quella di puntare molto di più sui fondi europei per investire nel campo culturale: vari sono i programmi e vari sono i progetti ai quali si può partecipare.

Viene evidenziata la necessità di sostenere e valorizzare le iniziative, ad esempio nel campo delle arti figurative come per l’evento Biennale Internazionale delle Donne, di concreto e grande valore culturale, caratterizzato dallo scambio.

 

Nel secondo incontro (1 febbraio) è emersa nuovamente la necessità di dare spazio alla musica leggera. Ci siamo dati intanto un obiettivo di breve periodo, ovvero realizzare una mappatura in dettaglio dei luoghi e sale disponibili in città, in modo tale da poterci concentrare sulle fasce scoperte e fare una proposta concreta. Si è ipotizzata inoltre l’opzione di avere uno spazio concerti fisso, in modo tale da abbattere una serie di costi (es. montaggio-smontaggio palco). A proposito di spazi, i presenti sono stati aggiornati sulla vicenda della sala Tripcovich, alla luce dei recenti sviluppi.

Sempre più forte è il bisogno di analisi delle esigenze di tutti i vari stakeholder della città, da effettuare al più presto. Si sottolinea quanto questa città sia legata a stilemi piccolo-borghesi che la tengono ancorata al passato. La nostra idea di cultura non vuole rinnegare il passato di Trieste, ma vuole lanciarla nel futuro. Vogliamo una città che sappia crescere e che abbia la possibilità di farlo.

Si sottolinea la totale assenza di segnaletica culturale al fine di diffondere la conoscenza del patrimonio urbano e favorire una promozione adeguata della città nei circuiti turistici nazionali e internazionali.

Un’altra grande assente è la contemporaneità: si evidenzia la necessità di un investimento per acquisti che vadano ad animare un nuovo spazio di arte contemporanea.

Entrando nel macrocosmo musei, viene sottolineata l’assenza del servizio guida nei musei cittadini, talvolta presente solamente per gruppi e su prenotazione. La frammentarietà dei musei di Trieste è un altro aspetto che viene sottolineato, assieme al progetto del Museo del Mare, dove allo stato attuale si ha un progetto per il contenitore ma latita il contenuto.

In chiusura di Forum è stata toccata la questione biblioteche evidenziando il loro essere centro nevralgico della città, in senso culturale, sociale e anche urbano. Proprio per questo a Trieste c’è bisogno di una nuova struttura, moderna, grande, che preveda anche spazi di socializzazione e co-working. Prossimamente inizieremo con una serie di incontri tematici: sicuramente uno sulle biblioteche e uno sui musei.

Forum Salute e Sanità: un contributo critico sulla riforma regionale

Il Forum Salute e Sanità esamina gli elementi principali della riforma elaborata dalla giunta Fedriga e propone alcune osservazioni critiche nel merito dei temi.

 

a) Riduzione degli enti e istituzione dell’azienda 0 (da 6 a 4 ASL)

    • Questa decisione contrasta con quella di tenere aperti tutti i piccoli ospedali dando a ognuno una o più specialità, frazionando quindi la casistica regionale delle singole patologie in una regione di soli 1.200.000 abitanti, quando è noto che solo i numeri elevati in medicina specialistica permettono un buon livello di qualità. Lo stesso discorso vale per la riapertura del punto nascita di Latisana, inutile e dannoso perché oggi non si può andare a partorire dove nascono meno di 300 bambini all’anno.

b) I CAP non spariscono, ma sembra che confluiranno in qualcosa di diverso

    • È fumosa la regolazione dei rapporti con i soggetti erogatori privati accreditati che dovrà essere la giunta a definire (50 milioni ai privati).
    • Sarà sempre la giunta a dover definire le attività dell’assistenza distrettuale e di quella ospedaliera, delibererà sul numero di posti letto, e sulle funzioni di HUB.

c) Bene la definizione di HUB regionali Burlo, CRO e Gervasutta nelle rispettive specializzazioni (materno-infantile, oncologico, riabilitazione)

d) Problema Cattinara: l’aspetto più inquietante della sanità triestina è senz’altro il blocco del cantiere per la riqualificazione di Cattinara, di cui non sappiamo i tempi di durata e come si potrà sbloccare la situazione poiché vi sarà senz’altro un ricorso della ditta che ha avuto l’appalto. La situazione logistica a Cattinara è molto difficile e chi ci lavora parla di un sistema al collasso poiché il blocco del cantiere condanna l’ospedale ad un forte ridimensionamento degli spazi da dedicare alle attività di cura (5 piani bloccati) e, quindi, gli operatori sanitari sono costretti a lavorare in condizioni di estremo disagio.

e) I distretti avranno funzioni di committenza (cioè definizione della programmazione dell’assistenza). Resta però fumosa l’attivazione di una “centrale operativa” aziendale la cui connessione con il distretto non è chiarita nel testo del DDL, finendo per lasciare il campo ad un ampio grado di incertezza.

Piano per l’Italia: scuola, insegnanti e ricerca al primo posto

Piano per l’Italia: scuola, insegnanti e ricerca al primo posto

Mentre c’è chi citofona e fa propaganda, noi siamo al lavoro per dare risposte concrete alle persone. E nel ‘Piano per l’Italia’ che abbiamo sottoposto al governo al primo posto abbiamo messo la scuola, gli insegnanti, la ricerca. 

 

Siamo convinti che i luoghi della conoscenza debbano tornare ad essere palestre di vita, luoghi per dare il giusto futuro ai nostri figli. Ed è da lì che vogliamo partire, incrementando gli investimenti, aumentando lo stipendio agli insegnanti, stabilizzando i precari e assumendo 10mila ricercatori. E dando la possibilità a chi ha redditi bassi di avere un’istruzione gratuita.