Chiediamo di istituire sezione slovena nido S. Giovanni

Čok, Ukmar e Repini: “Sindaco mantenga impegni”

 

“Bisogna istituire la sezione slovena a San Giovanni perché risponde a un’esigenza vera, e anche per rispettare gli impegni presi dalla Giunta Dipiazza nel mandato precedente e in quello attuale. Purtroppo queste semplici nozioni paiono diventate ignote o trascurabili per le assessore Lodi e Matteoni. Secondo le componenti della Giunta mancherebbe la ‘domanda’, ma allora vorremmo che ci spiegassero da dove giungono i bambini che poi vanno in buon numero nelle scuole dell’infanzia e primarie slovene. Non possiamo credere che anche per i bambini triestini valga il principio ‘prima gli italiani’, non possiamo accettare che la sezione slovena di un nido d’infanzia sia considerata un intralcio e non un arricchimento per tutta la città”. Lo dichiarano i consiglieri comunali dem Štefan Čok, Stefano Ukmar e Valentina Repini, che è anche responsabile Istruzione nella segreteria regionale del Pd.

Precisando che faranno “tutto il possibile perché questa situazione cambi”, gli esponenti sloveni del Pd auspicano che “il sindaco Dipiazza, che è stato decorato dal Presidente della Repubblica di Slovenia Borut Pahor e che spesso sottolinea il suo lavoro per superare le divisioni del passato, in questa circostanza mostri anche la sua reale volontà di rispettare gli impegni”.

“Altrimenti – aggiungono Čok, Ukmar e Repini – suggeriamo al primo cittadino di valutare l’istituzione di nuove deleghe: all’ubiquità per l’assessora all’istruzione dato il suo nuovo ruolo di parlamentare, alle promesse non mantenute (qui l’elenco potrebbe essere lungo) e alla statistica improbabile, considerando gli strani calcoli usati per dire che la sezione slovena non serve”.

0