Sloveni: Rojc, bene liste centrosinistra in comuni bilingui – Slovenci: Rojc, levosredinske liste uspešne v dvojezičnih občinah

Soddisfazione per i risultati delle amministrative nei Comuni bilingui delle province di Trieste e Gorizia

L’elezione di sindaci del centrosinistra in cinque comuni bilingui delle province di Trieste e Gorizia conferma l’apprezzamento dei cittadini verso amministratori che hanno lavorato stando tra la gente, conoscendo il territorio e rispettando valori e identità della popolazione. Ai sindaci eletti vanno congratulazioni e auguri di buon lavoro.

Lo afferma la senatrice Tatjana Rojc, commentando i risultati delle elezioni amministrative in Friuli Venezia Giulia. Per Rojc

è importante mantenere il contatto con le radici e con la saggezza di secoli di storia. E allo stesso tempo cogliere e accompagnare i mutamenti, perché le minoranze linguistiche non sono comunità da conservare sotto vetro, ma elementi dinamici di società sempre più complesse. Il rapporto con la maggioranza italofona, le relazioni istituzionali con la Regione e lo Stato, lo sviluppo sostenibile, la collaborazione con la Slovenia, la vocazione europea di un territorio ormai transfrontaliero: sono temi di stretta attualità in cui le nuove Amministrazioni potranno esprimere impegno e competenza”. “Dal punto di vista politico – aggiunge la senatrice – per il futuro c’è l’auspicio di implementare un rapporto di lealtà con gli alleati e di fattivo confronto con l’opposizione”. 

Slovenci: Rojc, levosredinske liste uspešne v dvojezičnih občinah

Izvolitev županov leve sredine v petih dvojezičnih občinah na Tržaškem in Goriškem potrjuje, da so volilci cenili delo upraviteljev, saj so slednji ohranjali stike z občani in teritorijem v spoštovanju vrednot in identitete posameznikov. Izvoljenim županom čestitamo in jim želimo uspešno delo.

Tako komentira rezultate upravnih volitev v deželi Furlaniji Julijski krajini senatorka Tatjana Rojc. Za Rojčevo

je pomembno obdržati stike s koreninami in stoletno modrostjo zgodovine , a obenem razumeti in spremljati spremembe, saj  narodne manjšine niso zaprte skupnosti, ampak dinamični elementi vedno bolj kompleksne stvarnosti. Razmerja z italijansko večino, institucionalni odnosi z deželo in državo, trajnostni razvoj, sodelovanje s Slovenijo, evropski značaj  čezmejnega teritorija: to so pomembne aktualne teme, za katere bodo nove uprave lahko dokazale svojo angažiranost in svoje sposobnosti. Iz političnega vidika – dodaja senatorka – si želimo, da bi bili v prihodnje sposobni implementirati lojalne odnose z zavezniki in se konstruktivno soočati z opozicijami.”

0