Per una nuova organizzazione della mobilità sul Carso – Comunicato Stampa

Per i residenti come per i turisti “Il Carso a 30 all’ora” può essere un nuovo brand di qualità della vita sull’Altopiano triestino!

La positiva partecipazione del Comune di Trieste al progetto europeo CIVITAS PORTIS ha avviato la elaborazione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS), rivolto a rendere sostenibile il sistema della nostra mobilità nel breve e nel medio termine corrispondendo a valori universali affermati dalle Nazioni Unite con l’Agenda 2030 e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile ed alla politica di “sviluppo verde” dell’Unione Europea. Il PUMS triestino è imperniato sul rapporto fra aree portuali e città, incluse le vie di accesso dal circondario. Manca però una considerazione specifica dei problemi del Carso triestino e della mobilità su tutto il Carso.

I Circoli PD Altopiano Est e Altopiano Ovest ritengono che sia quindi il momento di realizzare progressi sostanziali anche nella sostenibilità del sistema dei trasporti sul territorio del Carso per migliorare la qualità della vita in termini di sicurezza delle persone e dell’ambiente naturale (agricoltura, fauna, flora).

Va garantita l’efficienza del servizio di Trasporto Pubblico Locale nel rispondere alle esigenze degli abitanti del Carso rivedendo l’attuale assetto delle linee, ripensando la funzionalità dei mezzi di trasporto per definire un piano di conversione e adeguamento (mini-bus) e verificando la qualità del servizio a terra (informazione e ricoveri). Anche l’organizzazione di piste ciclabili funzionali alla mobilità fra le località del Carso e l’offerta di servizi di bike-sharing regolati dal sistema pubblico possono essere sviluppati, a partire dall’adeguamento di percorsi stradali compatibili (es. una magistrale ciclabile da Basovizza a Santa Croce a servizio della mobilità dei residenti).

La priorità per i Circoli PD di Altopiano Est ed Ovest è l’introduzione a breve termine del limite dei 30 km su tutte le direttrici di attraversamento dei villaggi carsici nel Comune di Trieste con la semplice installazione di segnaletica verticale e orizzontale ed un servizio di vigilanza rafforzato. Il posizionamento della nuova segnaletica sarà da specificare in una collaborazione diretta fra Amministrazione Comunale e Consigli Circoscrizionali, anche come istituzioni della partecipazione popolare. I costi di questo intervento sono limitati e la sua realizzazione può essere tempestiva.

Non servono complicate sperimentazioni, né sono in gioco asseriti impedimenti al transito di mezzi in emergenza. Il limite dei 30 km orari all’interno dei borghi è già spesso vigente nei fatti per la morfologia delle strade e delle vie, ma serve una prescrizione specifica che porti lo stato di fatto a consapevolezza generale della popolazione e degli automobilisti in transito sulle direttrici di scorrimento.

Comunicato Stampa del Circolo PD Altopiano Est condiviso dal Circolo PD Altopiano Ovest sulla mobilità sostenibile SUL Carso
0