Sertubi: Serracchiani “É avviso potente per Trieste”

Sertubi: Serracchiani “É avviso potente per Trieste”

La fine dell’attività produttiva della Sertubi è la sconfitta di un sistema e un avviso potente per Trieste: o si ferma questo contagio di crisi industriali oppure il declino del capoluogo regionale sarà questione di tempo. Nessuno si illuda che porto, turismo, logistica bastino a sostenere la crescita di Trieste: gli stessi servizi si dileguano quando manca un tessuto produttivo. Un faro va tenuto acceso su Allianz.

Lo afferma la deputata Debora Serracchiani, commentando il definitivo stop alla produzione della Sertubi, deciso dalla proprietà indiana Jindal Saw, con la perdita di 51 posti di lavoro.

Dopo anni di impegno per evitare quanto accaduto ieri – spiega Serracchiani, che si era occupata della Sertubi già da europarlamentare e presidente del Fvg – mi chiedo se sia stato fatto tutto per evitare il peggio. Mi chiedo se chi è venuto dopo di me ha smesso di combattere in prima persona le battaglie per l’industria, lasciando all’assessore al Lavoro il compito ingrato di accompagnare le chiusure.

Per Serracchiani

qualunque polemica è fuori luogo in questo momento, ma sono convinta che la solidarietà verso i lavoratori che hanno perso il posto e quelli che rischiano di perderlo dobbiamo cominciare a dimostrarla tutti quanti mettendoci la faccia. Anche se la cosa è scomoda.

Ferriera: Serracchiani, “Governo valuti ingresso Cdp”

Ferriera: Serracchiani, “Governo valuti ingresso Cdp”

Nel rinnovo dell’accordo di programma bisogna inserire l’ipotesi di un ingresso di Cassa depositi e prestiti a fianco di Arvedi. La ghisa che si produce a Trieste è strategica come l’acciaio di Taranto e anche se le dimensioni sono diverse l’attenzione dev’essere la stessa e così anche il possibile impegno del Governo.
Lo afferma la deputata dem Debora Serracchiani.
Il rilancio dell’intera area necessita di un approccio globale e di lungo periodo. La politica deve assumersi la responsabilità di misurarsi con una sfida complessa, che coinvolge valori primari di rango costituzionale, quali il lavoro, la salute e l’ambiente, tutti meritevoli della massima tutela, senza che la difesa dell’uno possa sacrificare gli altri’: sono le parole del presidente del Consiglio – indica Serracchiani – e credo vadano sottoscritte per Taranto come per Trieste. Bisogna agire al più presto, perché la Ferriera non deve essere lasciata a se stessa, allo scorrere dei giorni che portano al 31 dicembre e alla chiusura irreversibile dell’area a caldo, senza alternative di riconversione.
Per la parlamentare dem
a Trieste non si pone nemmeno la questione di una nazionalizzazione come a Taranto, le condizioni ambientali e sanitarie sono decisamente migliori, ampie le potenzialità di sviluppo industriale e logistico. Lo Stato non deve arrendersi alla chiusura anche se – conclude – questo è stato l’obiettivo di alcune amministrazioni locali.
Eventi: Pd Nazionale, Tutta un’altra storia

Eventi: Pd Nazionale, Tutta un’altra storia

Il primo gennaio del prossimo anno cominceranno gli anni venti del duemila. Anni che ci mettono di fronte a grandi potenzialità, ma anche a crescenti e terribili disuguaglianze. Scoperte tecnologiche, automazione, le innovazioni digitali. Ma anche cambiamenti climatici, grandi migrazioni, conflitti, il ritorno del nazionalismo.

 

Gli anni ’20 del 2000 potranno essere anni terribili di miseria, distruzione, nuove oppressioni e povertà come lo furono gli anni venti dell’altro secolo. O potranno essere anni straordinari di riscatto, rinascita e liberazione umana.

 

Parliamone, confrontiamoci. Abbandoniamo gli schemi del passato e scriviamo insieme “tutta un’altra storia”. Rispetto al secolo scorso, ma anche a questi anni che hanno portato tante persone a perdere fiducia nella politica, nelle istituzioni, e che non vedono più davanti a sé un orizzonte di senso.

 

Vediamoci a Bologna dal 15 al 17 novembre per ragionare, confrontarci, pensare insieme agli anni ’20 di questo secolo che stanno per arrivare. Proviamo a immaginarli come la porta verso un’altra storia.

Tre giorni di assemblee, dibattiti, tavole rotonde, partecipazione.

Ti aspettiamo!

Ferriera: Serracchiani “Serve impegno Fedriga e Patuanelli

Ferriera: Serracchiani “Serve impegno Fedriga e Patuanelli

Per i posti di lavoro che si stanno perdendo e per quelli che sono a rischio già nei prossimi mesi ci sono responsabilità precise della politica, regionale e anche nazionale. La volontà di chiudere la Ferriera, al più presto e comunque, è stato uno dei pochi punti chiari del programma della destra e dei 5Stelle, e pur di raggiungerlo hanno messo in un angolo il sacrificio dei lavoratori. L’assenza più grave all’incontro con i lavoratori era quella del commissario del Governo per la Ferriera, cioè Fedriga, che al Circolo Ferriera avrebbe dovuto esserci e portare risposte a chi aveva negli occhi l’angoscia del futuro.

Lo afferma la deputata Debora Serracchiani, alla luce dell’intenzione, ribadita dalla proprietà della Ferriera di Servola a Trieste, di fermare la produzione di acciaio entro il prossimo 31 dicembre.
Per la parlamentare

siamo ancora in tempo per guidare un processo che eviti la deindustrializzazione di Trieste, che costringa l’imprenditore a sedersi a un tavolo nazionale con istituzioni e lavoratori. Ma deve volerlo Fedriga e deve volerlo il ministro Patuanelli: nessuno dei due può voltare le spalle a un territorio che sta precipitando verso una crisi industriale diffusa. È difficile impegnarsi e mostrare la faccia – aggiunge Serracchiani – quando arriva la tempesta sull’economia ma devono farlo e senza delegare, perché più passa il tempo e meno si può fare: non aspettino che passi la nottata”.

Legge elettorale: da Fedriga tesi strumentali contro parità di genere

Legge elettorale: da Fedriga tesi strumentali contro parità di genere

La giunta Fedriga ha approvato una quantità di norme puntuali, ha addirittura chiuso un punto nascita senza aver fatto la riforma sanitaria, ma oggi per far passare la doppia preferenza di genere dice di aver bisogno di una norma complessiva. La strumentalita’ di questa tesi si dimostra da sola.
Lo ha detto oggi il segretario regionale del Pd Fvg Cristiano Shaurli, intervenendo in Consiglio regionale sulla proposta di Legge n°10 che modifica l’articolo 25, “Modalità di espressione del voto“, della legge regionale del 18 giugno 2007, n. 17, con cui si prevede la doppia preferenza di genere.
 
Il segretario dem ha detto di essere
convinto che le donne siano le prime a cui non piacciono ‘riserve’ di genere ma il dato vero è che questo Paese ha un gap gender terribile su cui bisogna intervenire. La preferenza di genere  c’è in Europa e nei Comuni, ed era l’occasione per farla entrare anche in Regione, fedriga e la sua maggioranza hanno detto semplicemente no, tutto il resto sono chiacchiere e scuse.
Ricordando le figure di Nilde Iotti e Tina Anselmi, Shaurli ha rilevato che
per farcela, le donne devono essere eccezionali mentre gli uomini mediocri riempiono i parlamenti e le aule.
Scuola e Ambiente Trieste  : Pd Trieste, “Da riscaldamento eccessivo sprechi e disagi a studenti, finestre aperte per troppo caldo”

Scuola e Ambiente Trieste : Pd Trieste, “Da riscaldamento eccessivo sprechi e disagi a studenti, finestre aperte per troppo caldo”

Troppo caldo nelle scuole e si studia con le finestre aperte.

Così commentano i consiglieri comunali triestini Giovanni Barbo, Valentina Repini e Fabiana Martini del Partito, i quali hanno presentato un’interrogazione sul tema del risparmio energetico

in realtà riguarda tutti gli edifici pubblici e che è di strettissima attualità, vista l’emergenza climatica e ambientale.

Così I consiglieri commentano la situazione climatica attuale :

Siamo all’assurdo, se gli insegnanti sono costretti a tenere aperte le finestre per abbassare la temperatura nelle aule dove studiano i ragazzi.

Per questo, nell’interrogazione si chiede chiaramente

.. come l’Amministrazione comunale intenda evitare disagi, spreco di risorse pubbliche e inquinamento da riscaldamento incontrollato. Oltre a dissipare energia e denaro, bisogna pensare anche alla salute: con temperature sui 20 gradi, riscaldare gli ambienti non fa bene né agli adulti né ai bambini.

Inoltre I consiglieri del  gruppo chiedono anche che

  le scuole siano provviste di termostato di regolazione della temperatura dell’ambiente e se sui radiatori siano installate le valvole termostatiche. Servono dispositivi che permettano al riscaldamento di spegnersi o accendersi quando la temperatura raggiunge i gradi desiderati.  Proprio perché il problema riguarda tutti gli edifici pubblici chiediamo se vi è stata mantenuta la riduzione di un grado centigrado prevista dal Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile (PAES) del 2014, che prevedeva una serie di azioni per ridurre l’emissione di CO2 del 20% entro il 2020

Forum Istruzione e Scuola: 23 marzo: un incontro per discutere della regionalizzazione dell’istruzione

Dopo aver preso in esame la nuova legge sul diritto allo studio e analizzato i passi relativi alle differenze (in particolare, la soppressione dei progetti speciali e dei finanziamenti alle consulte studenti), nell’incontro del 23 marzo il focus del Forum è stato rappresentato dalla regionalizzazione dell’istruzione in Friuli Venezia Giulia. Partendo da quanto già avviato durante la precedente legislatura ma rimasto bloccato in sede di commissione paritetica, ci si è interrogati su quali possano essere le prospettive e le proposte dell’attuale governo regionale: al momento, infatti, trapelano ben poche informazioni. La Regione ha approvato dei finanziamenti a supporto delle scuole in reggenza e ha avviato un interpello tra i dipendenti regionali che andranno a integrare l’organico dell’Ufficio scolastico regionale, ma di una riforma vera e propria non vi sono indizi.

Le proposte sulla scuola provenienti da Veneto ed Emilia sono molto più radicali di quanto sarebbe per noi preferibile e ciò sta riscuotendo profondo dissenso tra i sindacati. Il nodo della questione sarà capire come si vogliono strutturare i rapporti con il Ministero della Pubblica istruzione: si tratterà di una gestione mista o si intenderà intervenire anche sugli obiettivi nazionali? Si vorrà operare un protezionismo degli organici a difesa dei docenti residenti della regione o il sistema concederà ancora la possibilità di trasferimenti extra regione? Sarà una riforma a costo zero o un vero investimento che miri al sistema Trentino?

Sono questi i principali dubbi emersi. Aggrava la situazione, come detto, la poca chiarezza da parte del governo Fedriga. Su temi di tale rilevanza sarebbe invece quanto mai proficuo un confronto con l’opposizione e con tutti gli attori coinvolti.

Convenzione provinciale: il calendario delle assemblee di circolo

Convenzione provinciale: il calendario delle assemblee di circolo

Nei prossimi giorni, dal 16 al 23 gennaio, si terranno le assemblee di circolo rivolte agli iscritti per l’elezione dei delegati alla convenzione provinciale di Trieste. Ecco il calendario degli incontri, circolo per circolo.

CIRCOLO 1 e CIRCOLO 2: mercoledì 23/1 alle ore 19 presso la sede PD Casa/Dom Brdina di Opicina, via di Prosecco 109

CIRCOLO 3: lunedì 21/1 alle ore 17.30, presso la sede provinciale di Trieste, via della Geppa 9

CIRCOLO 4: venerdì 18/1 alle ore 17.30, presso l’Aula magna ENFAP in via San Francesco 25 a Trieste

CIRCOLO 5: giovedì 17/1 alle ore 18.30, presso la sede PD di via della Guardia 44/b a Trieste

CIRCOLO 6: martedì 22/1 alle ore 18.00, presso la sede provinciale di Trieste, via della Geppa 9

CIRCOLO 7: giovedì 17/1 alle ore 18.30, presso la sede PD di via della Guardia 44/b a Trieste

DUINO AURISINA: mercoledì 16/1 alle ore 20:30, presso la sala Centro Servizi, Aurisina Cave 

MUGGIA: lunedì 21/1 alle ore 18.00, presso la sede PD in via Battisti a Muggia

SAN DORLIGO DELLA VALLE: sabato 19/1 alle ore 9.30, presso la sede Comunella di Bagnoli, Bagnoli 35

SGONICO e MONRUPINO: mercoledì 23/1 alle ore 19.30, nella sede Circolo Rdeca Zvezda, presso la Biblioteca comunale di Sales.

 

Qui trovate il link per scaricare le mozioni congressuali dei candidati: https://www.partitodemocratico.it/congresso-2019/

Festa dell’Unità 2017

Festa dell’Unità 2017

Il PD di Trieste ha organizzato per i primi giorni di settembre la Festa dell’Unità. Domenica 3 settembre e domenica 10 settembre 2017 la Manifestazione si svolgerà presso lo stabilimento balneare Ausonia con l’immancabile grigliata e musica, mentre nel corso della settimana vi saranno una serie di eventi. In tutte le giornate sono previsti incontri in cui tratteremo tematiche di livello nazionale e locale nel corso delle quali è prevista una presenza molto qualificata come si evince dal programma.
La scelta di una settimana di confronti pubblici ci consente di condividere linee strategiche e proposte che dovranno caratterizzare i programmi per il rinnovo del Consiglio regionale e del Parlamento.

Il giorno 10 si terrà inoltre un torneo di burraco, non esitate ad iscrivervi (l’iscrizione è gratuita) mandando una mail all’indirizzo: trieste@pd.fvg.it

Primarie del PD – 30 aprile 2017

Primarie del PD – 30 aprile 2017

Qui di seguito tutte le informazioni: iscrizione online, chi può votare, come votare e dove votare.

L’ISCRIZIONE ONLINE È OBBLIGATORIA PER:

  • I cittadini dell’Unione Europea residenti in Italia e i cittadini di altri Paesi in possesso di regolare permesso di soggiorno o della ricevuta della richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno (clicca qui)
  • I giovani tra i 16 anni compiuti e i 18 anni (clicca qui)
  • Tutti coloro che si troveranno fuori dalla loro provincia di residenza il 30 aprile e vorranno partecipare alle Primarie (clicca qui)

Successivamente all’iscrizione ti verrà indicato via mail o sms, il seggio in cui potrai votare.

Al momento del voto, ricordati di portare con te un documento di riconoscimento, la ricevuta dell’avvenuta registrazione online ed eventuale permesso di soggiorno.

 

Read More