Fuori il razzismo dalla scuola

Fuori il razzismo dalla scuola

Il Partito Democratico, i Giovani Democratici e i sindacati della scuola CGIL CISL e UIL esprimono contrarietà sulle scelte discriminatorie del Regolamento per le scuole dell’infanzia comunale ed invitano le comunità, le associazioni, il mondo della scuola, tutte le cittadine e i cittadini e ogni forza democratica che abbia a cuore i principi costituzionali del nostro Paese a partecipare alla manifestazione che si terrà in piazza Unità d’Italia lunedì 26 novembre alle ore 18:30 in occasione del dibattito che si terrà in Consiglio Comunale sul Regolamento per le scuole dell’infanzia comunali.

Questi i punti principalti del nostro dissenso:
– Tetto del 30% nelle scuole comunali per gli alunni di nazionalità non italiana, motivato come un miglioramento della qualità dell’insegnamento, ma ha un solo scopo, alimentare la paura del diverso.
– I bambini coinvolti da questo Regolamento sono bambini nati in Italia, che parlano la lingua italiana e sono figli di residenti che regolarmente pagano le tasse ed hanno diritto ad usufruire di tutti i servizi pubblici senza essere discriminati in base alla loro nazionalità o religione.
– Il nuovo regolamento non prevede l’aspetto fondamentale per l’offerta formativa in lingua slovena, ovvero la conoscenza della lingua per gli insegnanti ed il personale ausiliario.E’ inderogabile l’esigenza di assicurare alle scuole d’infanzia comunali con lingua d’insegnamento slovena l’insegnamento in detta lingua quale essenza fondante del servizio stesso.
– La proposta del nuovo Regolamento è contraria agli articoli 2 e 3 della Costituzione e risulta essere anche non conforme con quanto prevede il DPR n.394/1999 che all’art.45 stabilisce che la ripartizione degli alunni stranieri nelle classi semplicemente non superi quella degli italiani, ossia non vada oltre il 50%.
– Le diverse Comunità religiose convivono e lavorano da tempo nella nostra città per la pace, non accettiamo questa divisione e questo voler utilizzare la religione per dividere e separare, proponendo che l’Insegnamento della Religione Cattolica sia il principio fondante delle scuole dell’infanzia comunali
– Il parere contrario delle circoscrizioni, delle principali comunità straniere della città, del mondo della cultura, del Garante Regionale per le persone a rischio discriminazione, dei sindacati della scuola CGIL CISL e UIL.

Il Partito Democratico di Trieste aderisce alla manifestazione antifascista e antirazzista

Il Partito Democratico di Trieste aderisce alla manifestazione antifascista e antirazzista

Il Pd di Trieste ha scelto di testimoniare in prima persona il fermo NO, dichiarato già nell’incontro con il sindaco Dipiazza, all’ideologia neofascista rappresentata dalla manifestazione di CasaPound, che offende una città Medaglia d’oro per la sua aspirazione alla Libertà e per di più in un giorno festivo per laici e credenti.

Tale decisione è maturata nell’assoluto e autentico rispetto delle diverse scelte che si possono compiere per esprimere lontananza e condanna dal corteo di CasaPound, che si si stanno moltiplicando in queste giornate a partire dalla meritoria iniziativa e dalla ferma condanna delle comunità religiose.

Perciò, facendo seguito a quanto deciso nel corso dell’ultima riunione dalla Direzione Provinciale, mosso dalla volontà di assicurarsi che ogni forma di opposizione sia assolutamente pacifica, il Partito democratico ha incontrato i dirigenti provinciali della CGIL e dell’ANPI e ha trasmesso l’adesione alla manifestazione promossa da CGIL, ANPI e comitati antifascisti triestini, cui auspica si possa unire la più ampia rappresentanza dei soggetti democratici che si riconoscono nei principi di tolleranza e uguaglianza statuiti nella Carta costituzionale della Repubblica.

Alla luce del preoccupante dilagare di pensieri, atteggiamenti, azioni, organizzazioni politiche che esplicitamente si rifanno al fascismo, al razzismo, al sessismo, il Partito democratico ha sentito il dovere di impegnare se stesso e di lanciare un appello: alla più ampia partecipazione alla manifestazione pacifica del 3 novembre delle comunità del Partito Democratico, dei democratici e dei riformisti, del liberalsocialismo, dell’associazionismo cattolico, civile, di ogni minoranza e di quanti coltivano un autentico patriottismo, di tutti i soggetti aperti, liberi e tolleranti che nutrono il tessuto di Trieste.

L’auspicio è che nuove adesioni arricchiscano la mobilitazione democratica, e che comunque la città intera ribadisca la sua contrarietà alla manifestazione di CasaPound, così come affermato anche dal sindaco Dipiazza e dal presidente della Regione Fedriga. Al di là delle appartenenze e delle diverse sensibilità, ciascuno trovi le proprie forme ed i propri momenti per esprimerlo, favorendo comunque un’ampia partecipazione da parte di tutti coloro che credono in una Trieste città della pace, aperta, multiculturale e contraria ad ogni violenza e discriminazione.

Laura Famulari
Segretaria provinciale di Trieste

DIBATTITO IN MERITO AL REFERENDUM DEL 17 APRILE

In vista del referendum di domenica 17 aprile il Partito Democratico promuove un incontro pubblico per discutere le ragioni del e del NO.
L’incontro si terrà a partire dalle ore 17.00 presso la Sala Zodiaco dell’hotel Savoia Excelsior, Riva del Mandracchio 4.
Moderati da Saul Ciriaco si confronteranno:
A sostegno delle ragioni del “NO”:
Marcello Guaiana, ingegnere
Antonio Rodà, sindacalista UIL
A sostegno delle ragioni del “Sì”:
Andrea Wehrenfennig, Legambiente
Carlo Franzosini, biologo marino

14-04-2016 Referendum trivelle-page-001