Famulari, emendare bilancio Comune Trieste

Famulari, emendare bilancio Comune Trieste

 "In Consiglio comunale arriva bilancio inattuale"

 

  "Il sindaco Dipiazza ha sbagliato a non permettere che il Consiglio comunale discutesse un bilancio adeguato all’emergenza, perché è stato scritto a gennaio e non è attendibile né nelle entrate né nelle uscite. Nonostante questo atteggiamento sordo e cieco, noi collaboreremo per raddrizzarlo, perché sia un bilancio solidale e attento ai bisogni urgenti dell’economia di Trieste". Lo afferma la segretaria provinciale del Pd di Trieste Laura Famulari, alla vigilia dell’inizio dei lavori delle commissioni consiliari sul bilancio del Comune di Trieste.

 "Per la parte economica – spiega Famulari – proporremo che ci sia il differimento del pagamento delle imposte comunali ed esenzioni di imposte per attività chiuse, la riiduzione della tassa di occupazione suolo pubblico al 50% con agevolazioni nei pagamenti. Crediamo serva anche la riduzione della Tari per le attività sospese, per una percentuale pari al periodo di chiusura più un’altra almeno equivalente".

 "Tutta una serie di certezze su cui Dipiazza aveva costruito il suo ‘momento magico’ stanno venendo meno ma – conclude Famulari – non si può rimandare il momento dell’intervento".

L’Arte colora la vita! 3ª puntata

L’Arte colora la vita! 3ª puntata

Date le condizioni metereologiche degli ultimi giorni, questa volta parliamo di SUGGERIMENTI VENTOSI.

Grazie ad un gradito ospite: Rino Lombardi, dal Magazzino dei Venti-Progetto Bora Museum, che ci consiglia alcuni titoli di libri, film e musiche dedicati alla bora e al vento.

 

UN LIBRO: «Dove soffiano i venti selvaggi» di Nick Hunt (edizioni Neri Pozza, 2018).

Lo scrittore inglese ha camminato alla scoperta di quattro venti europei: Helm, Fohn, Mistral e la nostra amata-odiata bora. Il libro è il diario di un viaggio pieno di incontri e di interessanti citazioni di vento.

 

Per il lancio dell’edizione italiana è stato presentato, insieme all’autore, in piazza Ponterosso, in occasione della festa del vento “Boramata”.

 

Ecco il link al sito della casa editrice: https://neripozza.it/libri/dove-soffiano-i-venti-selvaggi

 

DUE FILM: «BORA-Geschichten eines Windes» di Bernhard Poetscher (2019).

 

Film prodotto dalla ORF, presentato all’ultima edizione della Viennale nella capitale austriaca, che speriamo di poter vedere presto anche a Trieste. Un documentario girato soprattutto in Croazia, nella zona di Senj, con una tappa anche a Trieste, al Magazzino dei Venti. Qui potete guardare il trailer: http://www.poetscher.com/bora/

 

“Second wind” dei fratelli Fabio e Luca Mina, disponibile online.

un bel viaggio in alcuni luoghi del vento italiani tra cui, naturalmente, Trieste: https://www.youtube.com/watch?v=LO1zRPsQDC0

 

UNA CANZONE: «140 all’ora» di Ivan Graziani.

 

Il cantautore abruzzese fu militare di leva a Trieste, in quel periodo assaporò la bora e un amore triestino cui dedicò questa canzone. Qui di seguito trovi il link al videoclip del brano nella versione di Enrico Cortellino, uno dei più promettenti cantautori triestini, un video fatto con gran cura:

https://www.youtube.com/watch?v=33af1Z86Auw

 

UN SUONO

 

Se non ti basta la bora che senti fuori dalla finestra puoi collegarti alla pagina di suoni del Museo della Bora  oppure tenerla a portata di mano quando la bora non c’è.

https://soundcloud.com/rino-lombardi-513873348

 

 

Buona lettura, buona visione, buon ascolto, buon vento!

 

Un abbraccio virtuale,

 

Marina Coricciati

Responsabile Forum Cultura PD Trieste

 

Inviato da Outlook

Trieste, ok parcheggi gratis in stalli blu

Trieste, ok parcheggi gratis in stalli blu

  "Con pieno spirito collaborativo il Pd aveva chiesto che fosse temporaneamente sospeso il pagamento per la sosta nei cosiddetti ‘stalli blu’ nelle strade cittadine: registriamo con soddisfazione che il nostro appello è stato ascoltato. In una situazione straordinaria come quella che stiamo vivendo, non può rimanere ‘ordinaria’ la gestione dei parcheggi e delle multe". Lo afferma la segretaria del Pd provinciale di Trieste Laura Famulari che, assieme ai consiglieri circoscrizionali Luca Salvati e Marco Rossetti aveva sollecitato l’Amministrazione comunale a intervenire sul problema.

 "Diverse sono state le segnalazioni dei cittadini ma – precisa la segretaria dem – soprattutto hanno fatto scalpore alcuni casi che hanno coinvolto personale sanitario, medici o infermieri multati mentre si trovavano in servizio. Con questo intervento il Comune di Trieste si mette a pari di altri Comuni del Fvg che hanno già provveduto, come Udine e Cividale".

opposizioni chiedono a Comune di pagare imprese

opposizioni chiedono a Comune di pagare imprese

"Occorre grande sforzo del pubblico per economia"

"L’Amministrazione comunale acceleri i pagamenti a tutte le imprese, le attività in attesa di ricevere le loro competenze e i soggetti beneficiari di contributi del Comune. In questo tempo di emergenza in cui l’ordinario è saltato, la vera urgenza e fare tutto il possibile per non compromettere ulteriormente le realtà economiche del territorio: bisogna mettere in circolazione il massimo di liquidità disponibile". Lo affermano i consiglieri dei gruppi comunali del Partito democratico, di Open Fvg e di Italia Viva.
"Occorre un grande sforzo del pubblico – spiegano – a sostegno di un’economia bloccata per cause di forza maggiore. Perciò invitiamo l’Amministrazione a dare impulso immediato ai pagamenti per stati di avanzamento in favore degli operatori economici che stanno eseguendo i lavori per conto della pubblica amministrazione, per attenuare l’impatto dell’emergenza sul tessuto produttivo triestino. Anche in presenza di attività ancora in essere – aggiungono le esponenti dell’opposizione – chiediamo che, alle imprese che hanno assunto obbligazioni giuridicamente vincolanti con il sistema dell’Amministrazione pubblica, si dia diritto di vedersi saldato il compenso per l’attività fin qui svolta, senza attendere il fine lavori”.



Inviato dal mio BlackBerry, il dispositivo mobile più sicuro

Coronavirus, il testo del nuovo Dpcm: le 100 attività che possono restare aperte

Coronavirus, il testo del nuovo Dpcm: le 100 attività che possono restare aperte

Nel testo del provvedimento l’elenco delle imprese che non saranno costrette a fermarsi.  Secondo l’esecutivo, che ha ascoltato il parere degli amministratori locali delle regioni del nord più colpite dal coronavirus, ancora troppi lavoratori sarebbero costretti a recarsi sul proprio posto di lavoro, anche in settori che a prima vista non sembrano essenziali. Mettendo a rischio la propria salute e quelle dei propri famigliari. 

 

Scarica il DPCM

 

 

 

 

L’Arte colora la vita! 2ª puntata

L’Arte colora la vita! 2ª puntata

 

 

 

 

Per continuare il viaggio iniziato la settimana scorsa tra arte e letteratura:

 

L’UNESCO presenta la sua biblioteca digitale: https://www.wdl.org

Raccoglie mappe, testi, foto, registrazioni e filmati di tutti i tempi e spiega i cimeli culturali di tutte le biblioteche del pianeta. Al link (https://unesdoc.unesco.org/home) è possibile trovare invece pubblicazioni e studi.

 

Il Teatro di San Carlo https://www.teatrosancarlo.it/

Porta il suo palcoscenico nelle case di tutti, rendendo disponibili online alcuni degli spettacoli delle passate stagioni

 

Il Museo Egizio di Torino: youtube/museo_egizio 

Propone “Le passeggiate del Direttore” dove Christian Greco accompagnerà virtualmente i visitatori a scoprire i reperti più significativi ricostruendone i contesti archeologici.

 

Il MUSE (Museo delle Scienze) racconta le installazioni presenti, attraverso brevi video corredati da domande e materiali per approfondimento: youtube/MUSE

Attraverso il format “Curiosi per natura” ci permette invece di scoprire i nostri antenati: youtube/curiosi_di_natura

 

Be Happy Project: per i più piccoli, o per chiunque abbia voglia di colorare, propone immagini, da stampare, realizzate dallo street artist e grafico, Andrea Antoni aka Style1: www.andreaantoni.it/immagini-da-colorare/

 

Go-Goals! Gioco da tavola per imparare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Per bambini, ma in realtà utile a tutti: https://go-goals.org/it

 

 

Ringraziamo Marina Coricciati, coordinatrice del Forum Cultura, per questi riferimenti e quelli dell’articolo precedente: http://pd.trieste.it/larte-colora-la-vita

 

 

Grim-Famulari, Comune salvi asili nido convenzionati 

Grim-Famulari, Comune salvi asili nido convenzionati 

 

  "La Giunta comunale si occupi di salvare gli asili nido convenzionati, che garantiscono centinaia di posti per i bimbi delle nostre famiglie e decine di posti di lavoro. Non dimentichiamo che quegli asili sono anche piccole imprese che, se lasciate morire schiacciate dal virus, non si riprenderanno". Lo affermano la segretaria provinciale Pd di Trieste Laura Famulari e la coordinamento provinciale di Italia Viva Antonella Grim, dopo che l’assessore comunale all’Educazione Angela Brandi ha comunicato che l’Amministrazione comunale non pagherà le giornate di mancato servizio ai gestori degli asili nido convenzionati con il Comune.

  "L’assessore ha compiuto un atto unilaterale – indica Famulari – senza un’interlocuzione preliminare con i gestori, di fatto condannandoli se non alla chiusura del servizio almeno a pesanti tagli del personale. E questo mentre la Regione pagherà gli abbattimenti retta anche per i giorni di mancato servizio, per l’intera somma, l’Inps pagherà i Bonus Nido per intero, e il Governo ha stanziato risorse e ampliato la CIG anche per questi soggetti". 

  Per Grim "sarebbe opportuno che in vista dell’approvazione del bilancio l’assessore competente, l’intera Giunta e il Consiglio facessero una valutazione bipartisan di questo problema oggettivo, per trovare una soluzione. Eventualmente – conclude – individuando una posta di bilancio specifica a sollievo del settore". 

"Un bilancio – precisa Famulari – che forse andrebbe complessivamente rivisto alla luce delle problematiche e delle priorità che stanno emergendo".

Decreto Cura Italia: come e dove richiedere gli aiuti. Mini Guida

Decreto Cura Italia: come e dove richiedere gli aiuti. Mini Guida

Pubblicato in Gazzetta ufficiale, il decreto Coronavirus ter, meglio conosciuto come ‘Cura Italia’, è legge. Aiuti alle famiglie, premi per chi ha continuato a lavorare nei servizi essenziali, sconti fiscali e incentivi per la sanificazioni di scuole e imprese, congedi straordinari: sono tantissimi i provvedimenti contenuti nel decreto per fronteggiare l’emergenza epidemica, senza precedenti, causata dal Covid-19.

Ma come fare per usufruire dei benefici previsti dal Governo?

 

Bonus lavoro

Sopratutto nei primi giorni dell’emergenza, sono stati molti i lavoratori che non hanno potuto accedere allo smart working, sollecitato dal governo coi primi due decreti che ha varato. Per tutti questi il decreto Cura Italia ha previsto un “premio” che arriverà direttamente in busta paga (non bisogna quindi far niente per ottenerlo).

A tutti i titolari di redditi da lavoro dipendente con un reddito complessivo non superiore a 40.000 euro, per il mese di marzo verrà riconosciuto un bonus che può arrivare fino a 100 euro, cifra che non concorre alla formazione del reddito, e va modulata sul numero di giorni di lavoro svolti in sede durante questo mese. Ipotizzando di lavorare 26 giorni su 31, si avranno, quindi, 3,84 euro per ogni giorno di presenza. Per ottenere il premio non occorrerà fare nulla: spetterà infatti ai datori di lavoro, in quanto sostituti d’imposta, riconoscere in via automatica l’incentivo, a partire dalla retribuzione corrisposta nel mese di aprile e comunque al più tardi entro il conguaglio di fine anno. A loro volta i sostituti d’imposta compenseranno l’incentivo erogato detraendolo dai versamenti delle imposte dovute al Fisco.

 

Cassa integrazione per i lavoratori dipendenti

Le modalità di accesso al sostegno al reddito per il lavoro dipendente verranno definite nei prossimi giorni attraverso l‘Inps che erogherà i pagamenti. Tutte le domande per gli ammortizzatori sociali e gli altri strumenti messi in campo dovranno infatti essere presentate all’Istituto di previdenza, tranne quelle per la cassa integrazione in deroga, che è concessa dalle Regioni, anche se a pagare sarà sempre l’Inps. Le domande dovranno essere presentate online.

La Cassa integrazione viene prevista, per la prima volta, anche per le attività produttive con meno di 5 dipendenti e per tutti i settori, escluso solo il lavoro domestico. Tutti gli ammortizzatori coprono il periodo 23 febbraio – 31 agosto 2020 per massimo di 9 settimane.

La quarantena certificata dal medico verrà pagata come malattia.

 

Indennità per partite Iva e lavoratori autonomi

Autonomi, professionisti, co.co.co e stagionali potranno chiedere un’indennità di 600 euro, non tassabile, sempre all’Inps. Il trattamento riguarda una platea che il Governo quantifica in quasi 5 milioni di persone:

  • autonomi e Partite IVA (aperta prima del 23 febbraio) non iscritti agli ordini
  • collaboratori in gestione separata (non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme di previdenza)
  • artigiani
  • commercianti
  • coltivatori diretti, coloni e mezzadri, operai agricoli a tempo determinato non titolari di pensione
  • stagionali dei settori turismo e stabilimenti termali: devono aver perso il lavoro nel periodo tra il 1° gennaio 2019 e la data di entrata in vigore del decreto, non titolari di pensione o di rapporto di lavoro dipendente
  • lavoratori dello spettacolo

 

Aiuti per le famiglie

Introdotto il congedo parentale di 15 giorni al 50% della retribuzione, e, in alternativa, il bonus da 600 euro per pagare la baby sitter. Le due opzioni devono essere attivate in una sezione apposita sul sito dell’Inps (il servizio sarà operativo entro due settimane) e sono retroattive, utilizzabili a partire dal 5 marzo.
Il congedo parentale straordinario sarà disponibile per tutti i lavoratori dipendenti, pubblici e privati (anche co.co.co e partite Iva) con figli fino a 12 anni. Se disabili, non sarà stabilito limite di età. Per i ragazzi tra 12 e 16 anni, i giorni di congedo straordinario non saranno retribuiti.

Nel caso di genitori-lavoratori dipendenti del settore privato, con figli trai 12 e i 16 anni, l’astensione dal lavoro per il periodo di chiusura delle scuole prevede anche il divieto di licenziamento, purché non vi sia altro genitore beneficiario di strumenti di sostegno al reddito o in modalità di lavoro agile. I 15 giorni sono cumulativifrazionabili e non possono essere fruiti contemporaneamente da due genitori che lavorano. Il congedo va chiesto al proprio datore di lavoro, avviando la pratica accedendo alla sezione dedicata del sito dell’Inps.

In alternativa, il voucher baby sitter da 600 euro è riservato ai genitori lavoratori dipendenti (devono lavorare tutti e due) con figli sotto i 12 anni. Il bonus aumenta a 1.000 euro se i genitori fanno parte del personale sanitario. L’assegno sarà erogato attraverso il cosiddetto “libretto famiglia“, attivo dal 2017. Per usufruire del libretto famiglia, sia la famiglia utilizzatrice che il lavoratore, dovranno registrarsi alla piattaforma tramite il servizio online dedicato, sempre sul portale Inps.

 

Commercianti e artigiani

La chiusura delle attività commerciali ha messo in ginocchio un intero settore, per questo sono stati introdotti bonus sugli affitti a favore di commercianti,
artigiani e di tutte le attività che pagano un affitto per un locale commerciale di piccola taglia. Per il momento la misura riguarda solo il mese di marzo, ma, se dovesse continuare l’attuale blocco, verrà estesa anche ai mesi successivi.

A tutti viene riconosciuto un credito d’imposta nella misura del 60% dell’ammontare del canone di locazione del mese in questione. Il bonus non andrà a tutte le tipologie di superfici commerciali o produttive, ma vale solamente per gli immobili che rientrano nella categoria catastale C/1 (botteghe e negozi) e non si applica ai soggetti che il Dpcm del 1 marzo aveva autorizzato ad operare (attività di vendita di alimentari, di prima necessità e servizi alla persona compresi negli allegati 1 e 2 dello stesso Dpcm). La detrazione è utilizzabile esclusivamente in compensazione delle imposte dovute nell’anno.

 

Mutui e crediti

Piccole e medie imprese potranno ottenere la sospensione di mutui, prestiti, finanziamenti non rateali e linee accordate dal sistema creditizio fino al prossimo 30 settembre. Per ottenere una moratoria su un prestito, un mutuo o una linea di credito, si dovrà presentare richiesta alla banca o all’intermediario finanziario che ha erogato il credito. In più imprese e professionisti possono beneficiare della sospensione dei termini di versamento di tutte le entrate tributarie e non tributarie derivanti da cartelle di pagamento, oltre che degli avvisi di accertamento, in scadenza tra I’8 marzo e il 31 maggio 2020. Non c’è bisogno di fare alcuna richiesta: tutti i pagamenti vengono automaticamente sospesi e dovranno essere effettuati entro il 3o giugno 2020. Automatica anche la sospensione del versamento Iva per imprese e attività sotto i 2 milioni di fatturato.
 
Per un periodo di nove mesi, l’accesso al Fondo di solidarietà mutui prima casa (Fondo Gasparrini) è esteso ai lavoratori autonomi e ai liberi professionisti che hanno subito un calo del proprio fatturato superiore al 33% in conseguenza della chiusura o della restrizione della propria attività in attuazione delle disposizioni adottate. Per l’accesso al Fondo non è richiesta la presentazione dell’Isee. La domanda dovrà essere presentata alla banca presso la quale è in corso il mutuo.

 

Documentazione utile

 

 

Famulari, più controlli anti-assembramenti

Famulari, più controlli anti-assembramenti

 

"Servono più controlli per prevenire assembramenti e movimenti ingiustificati di persone in città. Purtroppo con il migliorare delle condizioni atmosferiche sarà necessario svolgere un’attività più pressante di informazione e persuasione, ma sappiamo che il deterrente delle forze dell’ordine e quello più efficace. Ne va della salute di tutti i triestini, e se una piccola parte non capisce la gravità della situazione, bisogna difendere tutti gli altri". Lo afferma la segretaria del Pd provinciale di Trieste Laura Famulari, esprimendo la preoccupazione del partito dopo gli episodi di assembramenti che sono stati registrati sul territorio, nonostante le norme stabilite dal Governo.

"Auspichiamo che una parte consistente del contingente dei cento militari che saranno assegnati a Trieste – aggiunge Famulari – sia destinato ad assicurare compiti di ordine e sicurezza pubblica nella città, dove si riscontrano i problemi maggiori".

Per Famulari "la decisione di sanificare le vie di Trieste è ovviamente opportuna e confidiamo che riguarderà effettivamente tutti i rioni, compresi quelli periferici".

L’arte colora la vita!

L’arte colora la vita!

Un viaggio alla portata di un click tra i musei più belli d’Italia e del mondo, per vedere l’arcobaleno anche in queste giornate difficili.

Pinacoteca di Brera – Milano https://pinacotecabrera.org/collezioni/opere-on-line/
Galleria degli Uffizi – Firenze https://www.uffizi.it/mostre-virtuali
Musei Vaticani – Roma http://www.museivaticani.va/…/collezio…/catalogo-online.html
Museo Archeologico – Atene https://www.namuseum.gr/en/collections/
Prado – Madrid https://www.museodelprado.es/en/the-collection/art-works
Louvre – Parigi https://www.louvre.fr/en/visites-en-ligne
British Museum – Londra https://www.britishmuseum.org/collection
Metropolitan Museum – New York https://artsandculture.google.com/explore
Hermitage – San Pietroburgo https://bit.ly/3cJHdnj
National Gallery of art – Washington https://www.nga.gov/index.html
Peggy Guggenheim: https://www.facebook.com/ThePeggyGuggenheimCollection/ ma anche su Instagram e twitter.

Treccani offre invece alcune riveste a titolo gratuito (Atlante, Lingua Italiana, Il Tascabile, Il Chiasmo e tante altre) che potete leggere dal portale www.Treccani.it

Se invece volete immergervi nelle nostre bellissime città potete visitare Venezia, Siena, Roma e Palermo con i Gran Tour d’Italia, realizzato in collaborazione con l’Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO: https://artsandculture.google.com/p…/the-grand-tour-of-italy