Trieste: Famulari, ok a Porto Vecchio per aggregazione. Ma bisogna programmare non improvvisare

Trieste: Famulari, ok a Porto Vecchio per aggregazione. Ma bisogna programmare non improvvisare

Porto vecchio può offrire soluzioni alle esigenze di aggregazione e di svago della città e diventare un polo di attrazione per tutto l’hinterland, ma bisogna pensarci per tempo, programmare e non improvvisare. Se Dipiazza intende andare seriamente in quella direzione cominciamo a discutere modi e tempi con esperti, e all’interno di una visione complessiva dell’area. Al momento questa visione è ancora molto parziale, e non si può tirar fuori dal taschino Porto vecchio come risposta alle varie domande che di volta in volta la città presenta, dai parcheggi alla scienza agli spazi per i giovani”.
 
Lo afferma la segretaria provinciale del Pd di Trieste Laura Famulari, commentando l’ipotesi del sindaco di Trieste Roberto Dipiazza, secondo il quale in Porto vecchio “sarà giusto prevedere anche per i giovani delle situazioni in cui divertirsi in sicurezza”. Per la segretaria dem
 
Trieste non può diventare la città dei ‘no’, soprattutto se sono quelli di Polidori con cui ci facciamo ridere addosso da mezza Europa quando va bene. Ma per fortuna c’è una differenza sostanziale tra la ‘sicurezza’ e il ‘comune senso del pudore’ del vicesindaco e il lavoro quotidiano della Questura e della Polizia locale. E allora ok alla prevenzione di situazioni che possono essere pericolose o moleste, ma guidati dal buon senso. Soprattutto non restiamo a guardare – aggiunge Famulari – i fenomeni che crescono sotto i nostri occhi senza far niente. Sappiamo che Trieste diventerà sempre più una città in cui si viene da fuori anche per l’offerta di qualità del tempo libero: una buona amministrazione deve guidare questo sviluppo”.
Multato perché dorme su amaca: Serracchiani, ci sia ragionevolezza! Famulari: austriaco scambiato per clochard?

Multato perché dorme su amaca: Serracchiani, ci sia ragionevolezza! Famulari: austriaco scambiato per clochard?

Capisco la Polizia locale, leggi e regolamenti vanno rispettati ma dovrebbe esserci misura e ragionevolezza nella loro applicazione, usando la mano pesante quando serve. Prima di tutto a tutela dell’immagine di Trieste”.
La deputata Debora Serracchiani commenta la vicenda occorsa a un turista austriaco sorpreso dalla Polizia Locale a dormire su un’amaca appesa tra due alberi sul lungomare di Barcola a Trieste, e sanzionato con una multa di 300 euro.
 
Trieste in questi giorni d’estate è una località di vacanza – continua Serracchiani – con i turisti che invadono le strade e che si godono il mare. Bisognerebbe facilitare l’accoglienza e la permanenza ai tanti ospiti che arrivano dall’estero, ma alcuni forse non colgono con chiarezza la nuova dimensione della città”.
 
Chissà che l’austriaco con l’amaca non sia stato scambiato per un clochard. In fondo pochi giorni prima era passato da quelle parti il vicesindaco decretando il ‘divieto di bikini’”.
La segretaria provinciale del Pd di Trieste Laura Famulari sceglie l’ironia per commentare, rievocando il contestato episodio che aveva visto protagonista il vicesindaco leghista con delega alla Polizia locale Paolo Polidori, che lo scorso inverno aveva buttato nella spazzatura le coperte di un clochard.
Beni culturali: Famulari, restauro fontana Quattro Continenti dopo tre anni

Beni culturali: Famulari, restauro fontana Quattro Continenti dopo tre anni

Ci sono voluti tre anni alla giunta Dipiazza per sbloccare un lavoro di due settimane, già deciso e programmato dal centrosinistra, e pure già finanziato dal piano delle opere. Ovviamente siamo contenti che ai triestini sia finalmente restituita la nostra fontana più famosa, anche se si poteva fare molto prima. E vista l’assenza del patto di stabilità, magari ci si poteva permettere anche l’acqua”.

Lo afferma la segretaria provinciale del Pd di Trieste Laura Famulari, commentando l’inaugurazione oggi in piazza Unità a Trieste della Fontana dei Quattro Continenti, dopo i lavori di manutenzione straordinaria e riqualificazione. Per Famulari

un briciolo di fair play avrebbe richiesto al sindaco di riconoscere l’impegno di chi aveva impostato l’intervento, bloccato al cambio di amministrazione senza un perché, con l’assessore Lodi silente e l’assessore Rossi lasciato all’ingrato compito di giustificare il ‘fermo lavori’ come ‘pausa di riflessione’. Tre anni di riflessione…”.

Pd: Famulari, denuncia per striscione diffamatorio

Pd: Famulari, denuncia per striscione diffamatorio

Ora basta: appena venuta a conoscenza dell’episodio ho inviato la foto del manifesto al sito nazionale del Partito democratico che raccoglie le segnalazioni relative a fatti intimidatori, diffamazioni e simili, e ho dato mandato ai nostri legali di sporgere formale denuncia”.
 
Lo rende noto la segretaria provinciale del Pd di Trieste Laura Famulari, a seguito dell’affissione di uno striscione davanti alla sede del partito, recante la scritta “Parliamo di Bibbiano”, con evidenziate le iniziali del Pd.
 
Sono nata e cresciuta in uno Stato democratico e questo – sottolinea – è il momento di allertarsi e di allertare la società. Siamo di fronte a segnali non solo diffamatori ma anche intimidatori, che ci dicono di alzare la guardia perché sono minacciati diritti e libertà”.
Morte Camilleri: Rojc, Italia perde vero intellettuale

Morte Camilleri: Rojc, Italia perde vero intellettuale

Ha saputo creare un mondo e farne metafora universale. L’Italia perde uno dei suoi ultimi veri intellettuali, un uomo che leggeva e interpretava la complessa realtà contemporanea con gli strumenti creativi delle arti e della critica. Come tutti i grandi ha saputo creare un mondo e farne metafora universale. La potenza di Camilleri deve essere ancora recepita in tutta la sua coerenza, al di là delle opere che giustamente gli diedero larga fama di pubblico”.
 
Lo afferma Tatjana Rojc, scrittrice, critica letteraria e senatrice del Pd, esprimendo cordoglio per la scomparsa di Andrea Camilleri.
 
La sua lezione civile – aggiunge Rojc – si è collocata nella grandissima tradizione dei Maestri del nostro Mezzogiorno, di cui ha definito la bellezza e le ombre, e da cui ha guardato il mondo cogliendone l’essenza tragica”.
Fondi russi: Serracchiani, deciderà Procura se bufala

Fondi russi: Serracchiani, deciderà Procura se bufala

Sarà la magistratura a decidere se i fondi russi alla Lega sono una bufala o qualcosa di ben più grave. Al contrario di quanto sostiene Fedriga, qui di ‘palese’ non c’è quasi niente, tranne lo stretto legame politico tra Salvini e Putin. E quindi, visto quanto accaduto in Austria con un altro partito di estrema destra amico della Lega, c’è parecchio da chiarire”.

Lo afferma la deputata del Pd Debora Serracchiani, replicando al presidente Fvg Massimiliano Fedriga, il quale ha sostenuto che quella dei fondi russi “è palesemente una bufala colossale”. Bizzarro il parallelo tra Salvini e Trump fatto da Fedriga e – aggiunge Serracchiani – risibile il riferimento ai bilanci della Lega, nei quali non si ricorda fossero registrati i conti di Belsito in Tanzania”.

Trieste: Grim, Polidori non fa sicurezza e crea allarme

Trieste: Grim, Polidori non fa sicurezza e crea allarme

Altro che ‘politiche invasionistiche’, Polidori e tutta la Lega a Trieste stanno facendo il doppio gioco: gridano l’allarme sicurezza e non danno risposte alla domanda di sicurezza dei cittadini. Loro, che sono al governo in città, in Regione e a Roma, con il decreto sicurezza hanno fatto di tutto per avere i migranti in mezzo alle strade, e hanno permesso che piazza Libertà diventasse un accampamento. In questo modo si è favorita l’esplosione di tensioni che poi hanno visto accadere un gravissimo fatto di sangue. E questo magari vorrebbero imputarlo al Pd. No! È una precisa scelta non governare migranti e territorio, per poi chiedere misure d’emergenza, i militari in mimetica a pattugliare Trieste. La città che vuole la Lega deve avere paura, a qualunque costo”.

Lo afferma la consigliera comunale del Pd Antonella Grim, a seguito delle prese di posizione del vicesindaco di Trieste con delega alla Sicurezza Paolo Polidori, che aveva parlato delle “politiche invasioniste” della sinistra.

Consiglio Comunale vota variazioni di bilancio: soldi ai teatri ma nulla sul sociale

Consiglio Comunale vota variazioni di bilancio: soldi ai teatri ma nulla sul sociale

Lunedì sono state votate le variazioni di bilancio: il tanto atteso cambio di passo, lo slancio strategico visto il rimpasto di giunta fatto dopo il 26 maggio, non sono arrivati.  Il dato più importante – motivo per cui i nostri consiglieri non hanno votato contro ma si sono astenuti – è la posta a bilancio a favore dei #teatri cittadini. Il resto mera ordinaria amministrazione, con una grande preoccupazione: nessun ristoro sul Sociale massacrato ad aprile nel bilancio previsionale.
Si è anche discussa la nostra mozione contro la chiusura del centro diurno di via Udine. Abbiamo appreso in aula dell’assessore che è stata fatta una marcia indietro, non si chiuderà il centro ma andranno ridefinite le competenze. Non ci è stata data però alcuna indicazione rispetto a quali obiettivi verranno perseguiti come prioritari. Continuiamo vigili e aspettando i necessari chiarimenti.

Segnala ogni contenuto diffamatorio, ogni violenza verbale, sui social e sul Web

Segnala ogni contenuto diffamatorio, ogni violenza verbale, sui social e sul Web

Le segnalazioni di atti diffamatori, violenze verbali, intimidazioni che avete subito o che personalmente subirete su tutti i social vanno inviate all’email segnalazioniweb@partitodemocratico.it,  cercando di circostanziarle e documentarle il meglio possibile con screenshot del testo incriminato, nomi o pseudonimi degli autori e URL dei profili social responsabili del post.  

Allo stesso modo vanno segnalati anche tutti gli atti diffamatori, le violenze verbali, le intimidazioni verso i nostri dirigenti, gli iscritti, gli elettori o verso le sedi del PD, ogni episodio del quale potete venire a conoscenza frequentando i social o attraverso altri canali.

Oltre all’email segnalazioniweb@partitodemocratico.it  è a disposizione una pagina dedicata all’URL www.partitodemocratico.it/segnalazioniweb

 

La Segreteria del PD di Trieste

Trieste: Famulari, auspichiamo presto polizia al posto dei militari

Trieste: Famulari, auspichiamo presto polizia al posto dei militari

Ringraziamo i militari della Brigata Ariete che stanno svolgendo un’opera di vigilanza in alcune zone della città che avrebbero bisogno di un presidio fisso, come da tempo indicato anche dal Procuratore capo della Repubblica. Al contempo esprimiamo il vivissimo auspicio che il loro posto possa essere preso prima possibile dal personale delle forze dell’ordine, che in tempo di pace sono preposte ai compiti di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica. Un tanto per rispetto verso le professionalità specifiche dell’Esercito, che vengono distratte e usurate in compiti non propri, e in particolare perché in una democrazia sana il posto dei militari non è davvero nel centro delle città. Quindi attendiamo i rinforzi delle forze di polizia che prendano il posto dei militari, che non sono la miglior accoglienza per chi arriva in una città turistica”.

Lo afferma la segretaria provinciale del Pd di Trieste Laura Famulari, commentando l’inizio del pattugliamento nel centro di Trieste da parte dei militari della Brigata Ariete, e in particolare tra la zona prospiciente la Stazione ferroviaria e il Porto nuovo.