“Spesa sospesa”: la nostra campagna a fianco dei più fragili

“Spesa sospesa”: la nostra campagna a fianco dei più fragili

Ora più che mai, tutte e tutti abbiamo il dovere di fare la nostra parte e di metterci al servizio dei cittadini più fragili. E alla politica, per prima, spetta il compito di dare il buon esempio, di essere solidale e al fianco di chi soffre.
Per questo, come Pd Trieste, abbiamo aderito con entusiasmo alla campagna “Al tuo fianco” lanciata dal Partito Democratico, mettendo a disposizione la nostra sede, in via della Geppa 9, per la raccolta di beni primari per le famiglie e le persone più colpite dall’emergenza sanitaria ed economica.
È possibile portare alimenti di prima necessità, non deperibili, e prodotti per l’igiene personale. Li raccoglieremo e li consegneremo alle associazioni del nostro territorio che si occuperanno della distribuzione diretta a persone e famiglie in difficoltà.

Qui di seguito, i contatti e le informazioni utili:
LUOGO DI RACCOLTA: Pd Trieste, via della Geppa 9, Trieste
ORARIO: da lunedì a venerdì, dalle 9 alle 13
PARCHEGGIO: se avete difficoltà di parcheggio, potete chiamarci allo 040 366833 oppure citofonare e lasciare le borse in atrio, al piano terra. Ci pensiamo noi a recuperarle!

Se la fascia oraria antimeridiana non è comoda, è possibile concordare un ritiro per un momento diverso della giornata scrivendo una e-mail a comunicazione@pd.trieste.it.

Grazie a tutti quanti vorranno dare il loro contributo!

Contagi a Trieste: Dipiazza sia custode della salute della città

Contagi a Trieste: Dipiazza sia custode della salute della città

“Siamo tra le prime 12 città italiane per casi settimanali rispetto agli abitanti, abbiamo un Rt oltre l’1,5 e la percentuale dei contagiati è il doppio del resto della regione: non è più possibile accettare una sottovalutazione della situazione dei contagi a Trieste, Riccardi è venuto a raccontare frottole in Consiglio comunale”. Lo afferma la segretaria del Pd provinciale di Trieste Laura Famulari, a fronte dei dati resi noti dal Sole24Ore sulla situazione dell’epidemia in Italia, per Regioni e province.
“Gli operatori riferiscono di una situazione fuori controllo – aggiunge Famulari – e di nuovi focolai nelle case di riposo con ospiti che non si possono trasferire in ospedale o in altre strutture. Chi ha la responsabilità di guida politica della sanità oggi deve dire cosa sta facendo per non tornare all’angoscia della scorsa primavera. Il sindaco Dipiazza sia davvero il primo custode della salute publica: sia il primo a chiedere che per la nostra città si prendano al più presto le misure che non sono state prese nei mesi scorsi. Questa non è polemica, è un appello che non dovrebbe servire, perché Asugi e assessore alla Salute sono al corrente di tutto”.

Manifestazione in piazza Unità, Famulari: “Pd vicino a tutti i lavoratori, il sindaco non evochi la rivolta”

Manifestazione in piazza Unità, Famulari: “Pd vicino a tutti i lavoratori, il sindaco non evochi la rivolta”

“Il sindaco di Trieste dovrebbe sì andare in piazza, parlare con i manifestanti e dare solidarietà, ma non evocare la rivolta e annunciare la disobbedienza. Il rischio di soffiare sul fuoco lo ha verificato lui stesso, negli atti dei facinorosi che non si accontentano di protestare. Ma pensa davvero di non applicare la legge o di dire alla polizia locale di chiudere gli occhi?

Per chi non si è mai, e ribadisco mai, occupato dell’epidemia, dei decessi dei nostri anziani e della situazione sanitaria a Trieste, è troppo comodo cavalcare un malessere anche comprensibile. Siamo accanto ai lavoratori giustamente in ansia per il futuro, ma a tutti i lavoratori, dai baristi agli operatori del fitness, e anche a quelli delle aziende in crisi che non hanno avuto mai una parola dal sindaco”. Lo afferma la segretaria del Pd provinciale di Trieste, Laura Famulari, a proposito della presenza del sindaco di Trieste Roberto Dipiazza alla manifestazione organizzata nel tardo pomeriggio in piazza Unità d’Italia da operatori della ristorazione e delle palestre.

Cultura, Coricciati: siano date risposte ai cittadini in merito alle biblioteche comunali

Cultura, Coricciati: siano date risposte ai cittadini in merito alle biblioteche comunali

«Moltissimi cittadini chiedono a gran voce risposte e soluzioni in merito alla biblioteca Quarantotti Gambini di San Giacomo e alle altre biblioteche comunali che recentemente hanno ridotto o addirittura dimezzato l’orario di apertura. La sensazione forte è che non ci sia un piano del Comune per le biblioteche, sia esso di breve o medio-lungo periodo. In questo quadro, ho presentato un’interrogazione agli Assessori di riferimento per cultura e personale proprio per capire quanto prima le intenzioni dell’ente comunale in merito agli orari di apertura delle biblioteche, di sapere se sono stati fatti piani di fabbisogno del personale e programmata l’uscita di bandi per assunzione di operatori qualificati tramite concorso, di avere contezza di qual è il piano per il funzionamento delle biblioteche nel futuro.» afferma la consigliera della IV Circoscrizione Marina Coricciati (Pd), coordinatrice della commissione Cultura. «Trieste è da poco entrata nella “Rete globale delle città per l’apprendimento dell’UNESCO” ed è stata riconosciuta dall’ANCI come “Città che legge”: questo è accaduto proprio perché la nostra città garantisce ai suoi abitanti l’accesso ai libri e alla lettura anche attraverso le biblioteche pubbliche. Questi riconoscimenti che Trieste ha ricevuto non siano però solo medagliette da appendersi al petto in un gigantesco “pro-forma” – continua Coricciati – ma siano viceversa uno stimolo in più per l’Amministrazione Dipiazza per riconoscere alle biblioteche comunali, con azioni immediate e concrete, il loro ruolo di luoghi sociali che favoriscono l’apprendimento e la lettura. I triestini amano le loro biblioteche: facciamo in modo che l’Amministrazione comunale riconosca e valorizzi questo sentimento.»

Famulari : sindaco Dipiazza assente su emergenza Covid

Famulari : sindaco Dipiazza assente su emergenza Covid

Ancora una volta il sindaco Dipiazza è assente e inerte di fronte all’emergenza Covid: il primo garante della salute dei triestini è stato messo sotto tutela dal prefetto e dal presidente della Regione.
Lo afferma la segretaria provinciale  Laura Famulari, dopo che, su invito del prefetto del capoluogo Valerio Valenti, il presidente Fvg Massimiliano Fedriga ha firmato un’ordinanza che impone la chiusura dei locali nel Comune dalle dalle ore 23.00 di oggi fino alle ore 5.00 di domani.
Per la segretaria:
è già gravissimo che il prefetto abbia dovuto intervenire sollecitando le Autorità locali a esercitare le loro prerogative ma ancor più preoccupante è il fatto che il sindaco non abbia fatto sentire la sua voce e non abbia fatto nulla. Quanto al vicesindaco che vorrebbe tenere più aperti i locali – aggiunge Famulari – pensi a impiegare la forza pubblica per controllare gli assembramenti piuttosto che quattro ambulanti di colore.
Famulari: Dipiazza chiarisca punti critici sul Piano pandemico

Famulari: Dipiazza chiarisca punti critici sul Piano pandemico

Il Piano pandemico anti-Covid da poco reso noto dall’assessore Riccardi arriva nel Consiglio comunale di Trieste.
In evidenza ci sono dei punti critici, già rilevati da alcuni tecnici, che hanno indicato come problematico il fatto che parte dell’attività chirurgica routinaria dei pazienti dell’area giuliana venga garantita dagli ospedali isontini. E poi il fatto che lo stato di emergenza rischia di interferire con i previsti lavori di ristrutturazione dell’ospedale di Cattinara.
E’ la segretaria provinciale del Pd Laura Famulari a coinvolgere direttamente il sindaco Dipiazza con una ‘domanda di attualità’ articolata, chiedendo al primo citttadino di dire in Aula
se sia stato messo al corrente delle motivazioni tecnico-scientifiche sulle quali si fondano le scelte della Regione e dell’Asugi.
Famulari nel suo documento ricorda che
nel Piano pandemico è stabilito che entrambi gli ospedali cittadini (Maggiore e Cattinara) siano ospedali Covid, mentre gli ospedali della stessa Azienda sanitaria (ASUGI) di Monfalcone e Gorizia non vengono destinati al trattamento di questi pazienti e rimangono no-Covid.
Ha già suscitato interrogativi e perplessità – evidenzia Famulari – la scelta che parte dell’attività chirurgica routinaria dei pazienti dell’area giuliana venga garantita dagli ospedali isontini, nel malaugurato caso di un innalzamento del livello ad una Fase pandemica. Nella prima fase dell’emergenza – spiega la segretaria dem – l’assessore Riccardi e Asugi hanno deciso, contrariamente a quanto indicato dal Ministero della Salute, di non avere un solo ospedale dedicato esclusivamente ai malati Covid, bensì due ospedali Covid, il Maggiore e Cattinara. Ora la scelta è che a Trieste ci sono solo ospedali Covid mentre per le attività di routine i triestini dovranno andare a Monfalcone o Gorizia, entrambi no-Covid.
Ancora da fare per area verde Ex Cinema di Servola

Ancora da fare per area verde Ex Cinema di Servola

In grave ritardo sugli impegni presi e anche con ‘buchi’ nell’allestimento della cornice gestionale: a completare la sospirata apertura dell’area verde Ex Cinema di Servola manca qualunque provvedimento a sostegno della cordata di associazioni che se ne faranno carico. Perché non basta tagliare nastri e dire ‘abbiamo aperto’: ora c’è la necessità di sostenere la capofila ASD Servolana, seguita da Carnevale Maschere Lalo, Falisca, Millenium, Grbec e associazione Commercianti
Lo rileva la consigliera comunale Valentina Repini (PD), a lungo impegnata per la riapertura dell’area, assieme a Roberto Decarli, della segreteria provinciale del Pd e storico rappresentante del territorio.
In questo periodo l’ASD Servolana – spiega Repini – ha ultimato a proprie spese i lavori di manutenzione, di pulizia e sgombero dell’area per renderla fruibile alla cittadinanza. Ora  l’Amministrazione comunale si deve impegnare a sostenere le associazioni, già gravate dal pagamento di un canone e dalla stipula di un’assicurazione. Chi ha lavorato per la collettività non deve esser lasciato solo in questo importante percorso di rivitalizzazione di un’area, rimasta chiusa per due anni
Per Repini
è necessario che il Comune intervenga assumendosi i costi delle utenze sostenendo le associazioni nell’opera di rivitalizzazione di un’area dalle grandi potenzialità, attraverso le tipiche attività aggregative, culturali e sportive.
Famulari: sulla piattaforma logistica Dipiazza non ha toccato palla

Famulari: sulla piattaforma logistica Dipiazza non ha toccato palla

È stato sindaco vent’anni durante i quali Dipiazza è diventato sempre più fastidioso con questo modo di appropriarsi di tutto quanto accade di positivo a Trieste, su cui non ha toccato palla come la piattaforma logistica. E al contrario resta muto e immobile sulle tante magagne della nostra città. Quando non tace il sindaco si esibisce in annunci ‘risolutori’ di problemi che aveva lasciato fermi dal tempo del suo primo mandato. Gli risparmiamo ora un elenco che va dall’area dell’ex Polstrada di Roiano al tram di Opicina alla piscina terapeutica, alla crisi dell’industria e del commercio a Trieste. E sulla Ferriera, verso cui abbiamo avuto un approccio diverso dal suo, abbia l’onestà di riconoscere che non l’ha chiusa lui e nulla ha fatto per chiuderla, o dobbiamo ricordargli i ‘cento giorni’?”

Lo afferma la segretaria provinciale del Pd di Trieste Laura Famulari, replicando al sindaco Roberto Dipiazza il quale, in relazione alla firma dell’accordo tra Hhla e Piattaforma logistica Trieste, ha rivendicato la coincidenza temporale con la chiusura della Ferriera, per cui ha detto di aver sostenuto “venti anni di attacchi”.

 

Orgogliosi di aver creduto in «regista» D’Agostino

Orgogliosi di aver creduto in «regista» D’Agostino

La realizzazione della piattaforma e l’alleanza tra i porti di Trieste e Amburgo sono eventi che superano le immediata implicazioni logistiche ed economiche, che sono già grandissime: oggi si apre un rapporto strategico per l’Europa. Qui dimostriamo di avere l’intelligenza e la volontà per fare sistema e competere con le nostre infrastrutture e professionalità migliori, a nord e a sud del continente. La Germania è storicamente un partner commerciale e politico di primo livello soprattutto per quest’area del Paese, che conferma di avere potenzialità attrattive su cui si deve continuare a puntare, proseguendo ad esempio sulla strada tracciata con la partecipazione della Regione alla Fiera Transport Logistic. A Zeno D’Agostino va riconosciuto il merito di essere regista del rilancio e del consolidamento del porto di Trieste sulla scena globale: siamo orgogliosi di aver creduto nelle sue qualità e abbiamo fiducia che continuerà bene anche in questo periodo difficile.

Lo ha affermato oggi a Trieste la presidente della commissione Lavoro della Camera, Debora Serracchiani, partecipando alla cerimonia della firma dell’accordo che segna l’ingresso dei tedeschi della Hhla di Amburgo nella gestione della Piattaforma logistica.

 

Scuola: tempi per tamponi creano gravi disagi

Scuola: tempi per tamponi creano gravi disagi

Anche dopo la tardiva emissione di una circolare esplicativa, famiglie e pediatri continuano a denunciare difficoltà nel fare i tamponi per gli  scolari entrati nel percorso di prevenzione covid. Nonostante il grande lavoro svolto dagli operatori dei Dipartimenti di Prevenzione e dagli operatori dei Laboratori dedicati, i tempi che intercorrono dalla richiesta del tampone, da parte dei medici di medicina generale o dei pediatri, alla risposta, non sono inferiori ai sei-sette giorni, creando gravi disagi agli scolari e alle loro famiglie. In Veneto procedono alla diagnosi con tempi e metodiche molto più rapide”.
È la denuncia di Roberto Trevisan, responsabile Sanità del Pd del Friuli Venezia Giulia.
Per l’esponente dem
l’inverno alle porte produrrà un aumento esponenziale del numero delle persone in situazioni cliniche dubbie per le quali sarà necessario escludere un contagio da Sars-Cov2. Se la Regione continua con questa insufficiente organizzazione, rischiamo il tracollo dei sistemi, scolastico e sanitario. Il recente Piano per la Medicina Territoriale parla bensì di rafforzamenti, di assunzioni, ma quando? Se aspettiamo anche solo pochi mesi sarà troppo tardi. Chiediamo quindi un immediato rafforzamento degli organici dei Dipartimenti di Prevenzione e dei Laboratori, l’avvio di metodologie diagnostiche più rapide, una comunicazione univoca e chiara, uguale per tutta la Regione, che metta in sicurezza, scolari, famiglie e insegnanti; l’istituzione di un numero verde regionale dedicato alle informazioni sulla pandemia, dotato di un numero adeguato di operatori, formati e in grado di orientare i cittadini. E’ tempo di fare investimenti seri ed efficaci e uscire – conclude Trevisan – dai tour informativi che sanno più di propaganda che di gestione delle gravi problematiche che gravano sulla comunità regionale.