Lavoro: Laura Famulari “Partito aderisce a manifestazione Cgil, Cisl, Uil”

Lavoro: Laura Famulari “Partito aderisce a manifestazione Cgil, Cisl, Uil”

Il Partito Democratico di Trieste aderisce alla manifestazione promossa dai sindacati confederali e invita iscritti e simpatizzanti ad unirsi ai lavoratori che terranno un presidio in piazza.
Così la segretaria del Pd provinciale Laura Famulari alla vigilia della manifestazione indetta da Cgil, Cisl e Uil il giorno venerdì 15 novembre, alle ore 17.00 in Piazza Unità nel capoluogo giuliano.
 Trieste sta vivendo un momento difficile – spiega Famulari – con crisi industriali che mettono a rischio 1500 posti di lavoro, oltre ai 7mila disoccupati che già ci sono e alle sacche di bisogno che nessuno intercetta. È di fronte a Wärtsilä, Flex, Sertubi, Burgo, Dukcevich e Colombin, il sindaco ha ancora il coraggio di parlare di ‘momento magico’. Serve invece una politica industriale che promuova investimenti, ridia fiducia alla manifattura giuliana e accompagni fuori dalla precarietà le situazioni più critiche.Saremo in piazza anche con le nostre parlamentari – aggiunge Famulari – a chiedere alle istituzioni attenzione e assunzione di responsabilità. Questa non è una protesta ma è la nostra volontà di stare accanto ai lavoratori in lotta, nell’interesse di tutta la città e del suo territorio.
Ferriera: Serracchiani, “Governo valuti ingresso Cdp”

Ferriera: Serracchiani, “Governo valuti ingresso Cdp”

Nel rinnovo dell’accordo di programma bisogna inserire l’ipotesi di un ingresso di Cassa depositi e prestiti a fianco di Arvedi. La ghisa che si produce a Trieste è strategica come l’acciaio di Taranto e anche se le dimensioni sono diverse l’attenzione dev’essere la stessa e così anche il possibile impegno del Governo.
Lo afferma la deputata dem Debora Serracchiani.
Il rilancio dell’intera area necessita di un approccio globale e di lungo periodo. La politica deve assumersi la responsabilità di misurarsi con una sfida complessa, che coinvolge valori primari di rango costituzionale, quali il lavoro, la salute e l’ambiente, tutti meritevoli della massima tutela, senza che la difesa dell’uno possa sacrificare gli altri’: sono le parole del presidente del Consiglio – indica Serracchiani – e credo vadano sottoscritte per Taranto come per Trieste. Bisogna agire al più presto, perché la Ferriera non deve essere lasciata a se stessa, allo scorrere dei giorni che portano al 31 dicembre e alla chiusura irreversibile dell’area a caldo, senza alternative di riconversione.
Per la parlamentare dem
a Trieste non si pone nemmeno la questione di una nazionalizzazione come a Taranto, le condizioni ambientali e sanitarie sono decisamente migliori, ampie le potenzialità di sviluppo industriale e logistico. Lo Stato non deve arrendersi alla chiusura anche se – conclude – questo è stato l’obiettivo di alcune amministrazioni locali.
Migranti: Rojc, serve presidio polizia in comune San Dorligo (Trieste)

Migranti: Rojc, serve presidio polizia in comune San Dorligo (Trieste)

Un’attenzione e una vigilanza particolare siano attribuite al tratto di confine italo-sloveno che delimita il Comune di San Dorligo della Valle/Dolina, in questi mesi particolarmente esposto all’attraversamento di flussi migratori via terra.

Lo chiede la senatrice Tatjana Rojc (Pd) in un’interrogazione al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, facendo seguito alle segnalazioni giunte dal Comune di San Dorligo della Valle/Dolina, situato sul Carso triestino e interessato dal fenomeno dei flussi migratori provenienti dalla rotta balcanica.

In attesa di vedere sul territorio le pattuglie miste italo-slovene rinforzate nei ranghi e destinate a presidiare il confine, come previsto da accordi bilaterali”, la senatrice chiede al Ministro dell’Interno “se, acquisite tutte le informazioni utili dal Prefetto e dal Questore di Trieste, non ritenga necessario potenziare il presidio di Polizia sul territorio del Comune di San Dorligo/Dolina, dislocando un adeguato numero di personale delle Forze dell’ordine per intensificare i controlli.

I cittadini del Comune di San Dorligo/Dolina hanno sempre tenuto un atteggiamento estremamente civile e composto a fronte di questi eventi ma – aggiunge Rojc – anche per questo meritano considerazione, rassicurazione e tutela.

Trieste: Serracchiani, con crisi finito “momento magico”

Trieste: Serracchiani, con crisi finito “momento magico”

 Se mai c’è stato, è terminato il ‘momento magico’. È arrivata una crisi che investe settori diversi, dalla siderurgia alla metalmeccanica all’agroalimentare: stanno venendo al pettine tutti i nodi di un’industria che non ha fatto i passi necessari per stare sul mercato. Ma Trieste ha nell’industria un motore di sviluppo importante al quale non si può rinunciare, anche se non pesa più del 10% del Pil. C’è la necessità di reinventare interi settori.

Lo ha detto la deputata Debora Serracchiani oggi a Trieste, durante un incontro dedicato alle crisi industriali dell’area triestina, con il segretario provinciale della Cgil Michele Piga.

Lanciando un allarme sul “rischio di perdere una centralità geopolitica e capacità di fare sistema”, la parlamentare ha osservato che

si tenta di intervenire ma solo nella fase patologica, mentre dovremmo pensare alle soluzioni prima che determinate crisi si presentino. Perché alcune di queste crisi vengono da lontano e possono essere accompagnate prima che esplodano e l’unica via sono gli ammortizzatori sociali. l periodo più nero per il Fvg è stato il 2015 quando governava il centrosinistra e – ha ricordato Serracchiani – abbiamo affrontato le crisi accompagnandole con politiche industriali”. Ha portato l’esempio di Electrolux, dove anche con fondi pubblici si è riusciti a modificare la produzione puntando verso la qualità. O l’esempio della Ferriera, in cui “abbiamo creduto che per avere sostenibilità ambientale era necessario che proseguisse la produzione, mentre ora per una scelta politica oggi al Mise c’è un tavolo in cui si lavora per chiudere un’azienda”.

Emblematico, per Serracchiani, anche il caso Wartsila in cui

è stato fatto un importante investimento in ricerca e sviluppo e per un periodo ha funzionato. Quando questa strada non è stata più percorsa con la medesima forza di prima, la società ha denunciato difficoltà e sono annunciati esuberi.

A proposito della Ferriera, Serracchiani ha ragionato sulle conseguenze della crisi del mercato dell’acciaio e sulle opzioni tra metodi diversi di produzione, ricordando i fondi per la decarbonizzazione e per la transizione industriale previsti nella manovra nazionale. Per la deputata

a città deve svegliarsi e decidere: la vera sfida è far coesistere ambiente salute e lavoro. E chi governa Regione e città ci dica da che parte vogliono portarci, come vogliono diversificare e quale è il loro obiettivo per Trieste e per la regione. Ma sia chiaro che se perdiamo questi posti di lavoro avremo anche un grande problema di domanda interna che metterà in ginocchio la città di .

Antisemitismo: PD, a Trieste destra vota contro Segre

Antisemitismo: PD, a Trieste destra vota contro Segre

C’è una destra a Trieste che è un soggetto politico scandaloso, che non riesce a contenersi nemmeno quando entra e governa le istituzioni. È una beffa atroce sentire Fedriga che condanna a parole l’antisemitismo mentre i suoi commilitoni di partito decidono di considerare ‘non urgente’ una mozione che chiede di esprimere solidarietà alla senatrice Segre. A fronte di questa decisione vergognosa, il Pd e tutto il centrosinistra hanno sentito il dovere di abbandonare l’aula del Consiglio comunale.

Lo rende noto la segretaria provinciale Laura Famulari, dopo che è stata rifiutata l’urgenza alla discussione di una mozione consiliare che esprimeva solidarietà alla senatrice Liliana Segre e impegnava il sindaco “ad invitare la senatrice Liliana Segre alla solenne celebrazione del Giorno della Memoria alla Risiera di San Sabba e ad intervenire in un Consiglio comunale straordinario indetto in tale occasione” e a conferirle la cittadinanza onoraria.

Mi sento offesa e umiliata – ha spiegato Famulari – come cittadina italiana e come persona, e sento calpestata la dignità di Trieste, la città che più di altre non dovrebbe mai dimenticare, la città dove sono state promulgate le leggi razziali e dove c’era l’unico Lager tedesco sul territorio italiano. Per riguardo al ruolo di consigliera comunale, non era possibile restare un minuto di più in un Aula che non ha voluto dimostrare un rispetto semplicemente doveroso nei confronti di una testimone della Shoah minacciata oggi per il suo essere ebrea. La destra – ha indicato Famulari – si assume un’enorme responsabilità morale prima ancora che politica: il riduzionismo comincia a manifestarsi così è non si sa dove finisce. Stiamo attenti al grande imbroglio”, ha concluso.

Muro Berlino: Serracchiani “Fedriga paga convegno Sovranista”

Muro Berlino: Serracchiani “Fedriga paga convegno Sovranista”

Se sei contro l’antisemitismo non inviti a Trieste un personaggio come Maria Schmidt, criticata dallo Yad Vashem per il suo coinvolgimento nel controverso nuovo museo dell’Olocausto di Budapest e per le sue teorie riduzioniste e giustificazioniste. E proprio nella sede della Regione Friuli Venezia Giulia a esibirsi con l’Internazionale Sovranista a spese degli italiani, davanti alle scolaresche di Trieste.

È la denuncia lanciata dalla deputata Debora Serracchiani all’indomani del convegno “Il Muro di Berlino trent’anni dopo”, organizzato dalla Regione Fvg nel Palazzo di piazza Unità a Trieste, che commenta al contempo le affermazioni del presidente Fedriga da Israele, in condanna dell’antisemitismo.

Un convegno dedicato alla caduta del muro di Berlino – commenta la parlamentare Dem – è l’occasione per dar voce a personaggi come Maria Schmidt e Ryszard Legutko che, sotto ai titoli professorali, sono noti per le loro posizioni omofobe e illiberali o per le interpretazioni distorte dell’Olocausto. In un parterre dove faceva da padrone di casa il vice effettivo di Fedriga, l’assessore Roberti, accanto a docenti italiani che da sempre guardano a destra, gli ambasciatori più fedeli del sovranismo di Visegrad hanno offerto la visione del pensiero unico al potere sponsorizzata dalla Regione.

Maria Schmidt è una stretta collaboratrice – continua Serracchiani – e ‘storica di corte’ del premier Orban, nei cui scritti si trovano riferimenti al ‘complotto mondiale giudaico-comunista’ e la difesa della cosiddetta “vera democrazia maggioritaria” contro la corruzione globalista sponsorizzata dal mostro Soros. Legutko è un eurodeputato polacco del partito conservatore al potere, co-presidente assieme a Raffaele Fitto (FdI) del gruppo dei Conservatori e riformisti (Ecr) al Parlamento Ue. Per lui “l’Unione europea riflette l’ordine e lo spirito della liberal-democrazia nella sua versione più degenere”, mentre omosessuali, africani e femministe sono “culture di moda”, che agiscono in modo “tirannico”. I portatori di queste idee hanno parlato davanti a una delegazione di studenti delle scuole superiori di Trieste, grazie alla collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale. Da chiedersi – conclude Serracchiani – se sia stato condiviso l’indirizzo decisamente politico dato a quello che si fatica a chiamare convegno

 

Allianz trasferisce la sede legale a Milano. Famulari: “Un fulmine a ciel sereno”

Allianz trasferisce la sede legale a Milano. Famulari: “Un fulmine a ciel sereno”

“È un fulmine a ciel sereno che ci strappa dal sogno del ‘momento magico’ di cui continua a parlare Dipiazza, e per questo mi associo alla richiesta di convocare urgentemente un Consiglio comunale straordinario su questo evento”. Così la segretaria provinciale del Pd di Trieste Laura Famulari, commentando la decisione di Allianz SpA di spostare a Milano la sede legale a partire già dal I gennaio 2020..

Per la segretaria dem, “innegabilmente, è un elemento di preoccupazione in più, che si aggiunge alle crisi industriali che punteggiano la città e che qualcuno si ostina a non voler vedere, come se i lavoratori della manifattura fossero ‘invisibili’. Spero che questo fatto induca tutti a una profonda riflessione su come il benessere di Trieste non si misuri solo con le luci e i locali del centro”.

Migranti: Serracchiani “Soddisfazione per attenzione Viminale verso Fvg”

Migranti: Serracchiani “Soddisfazione per attenzione Viminale verso Fvg”

Esprimiamo soddisfazione per l’attenzione dimostrata concretamente dal Viminale verso il Friuli Venezia Giulia, che ha ascoltato le esigenze di un territorio esposto più di altri ai transiti via terra. Il raddoppio dei pattugliamenti è una decisione significativa che risponde alle richieste di implementazione fatte pervenire al ministro Lamorgese e al viceministro Mauri, e che auspichiamo siano il primo passo verso un rafforzamento del dispositivo di sicurezza in Friuli Venezia Giulia, trascurato dal precedente Governo

Lo afferma la deputata dem Debora Serracchiani, commentando l’annuncio che raddoppieranno i pattugliamenti misti tra Polizia italiana e slovena lungo la fascia confinaria delle province di Trieste e Gorizia.

Per la parlamentare:

bisogna riconoscere lungimiranza all’accordo sottoscritto nel 2007 assieme al Governo sloveno dal Governo Prodi con il ministro dell’Interno Amato, che permette oggi una collaborazione rafforzata tra i due Paesi.

 

 

Eventi: Pd Nazionale, Tutta un’altra storia

Eventi: Pd Nazionale, Tutta un’altra storia

Il primo gennaio del prossimo anno cominceranno gli anni venti del duemila. Anni che ci mettono di fronte a grandi potenzialità, ma anche a crescenti e terribili disuguaglianze. Scoperte tecnologiche, automazione, le innovazioni digitali. Ma anche cambiamenti climatici, grandi migrazioni, conflitti, il ritorno del nazionalismo.

 

Gli anni ’20 del 2000 potranno essere anni terribili di miseria, distruzione, nuove oppressioni e povertà come lo furono gli anni venti dell’altro secolo. O potranno essere anni straordinari di riscatto, rinascita e liberazione umana.

 

Parliamone, confrontiamoci. Abbandoniamo gli schemi del passato e scriviamo insieme “tutta un’altra storia”. Rispetto al secolo scorso, ma anche a questi anni che hanno portato tante persone a perdere fiducia nella politica, nelle istituzioni, e che non vedono più davanti a sé un orizzonte di senso.

 

Vediamoci a Bologna dal 15 al 17 novembre per ragionare, confrontarci, pensare insieme agli anni ’20 di questo secolo che stanno per arrivare. Proviamo a immaginarli come la porta verso un’altra storia.

Tre giorni di assemblee, dibattiti, tavole rotonde, partecipazione.

Ti aspettiamo!

Ferriera: Serracchiani “Serve impegno Fedriga e Patuanelli

Ferriera: Serracchiani “Serve impegno Fedriga e Patuanelli

Per i posti di lavoro che si stanno perdendo e per quelli che sono a rischio già nei prossimi mesi ci sono responsabilità precise della politica, regionale e anche nazionale. La volontà di chiudere la Ferriera, al più presto e comunque, è stato uno dei pochi punti chiari del programma della destra e dei 5Stelle, e pur di raggiungerlo hanno messo in un angolo il sacrificio dei lavoratori. L’assenza più grave all’incontro con i lavoratori era quella del commissario del Governo per la Ferriera, cioè Fedriga, che al Circolo Ferriera avrebbe dovuto esserci e portare risposte a chi aveva negli occhi l’angoscia del futuro.

Lo afferma la deputata Debora Serracchiani, alla luce dell’intenzione, ribadita dalla proprietà della Ferriera di Servola a Trieste, di fermare la produzione di acciaio entro il prossimo 31 dicembre.
Per la parlamentare

siamo ancora in tempo per guidare un processo che eviti la deindustrializzazione di Trieste, che costringa l’imprenditore a sedersi a un tavolo nazionale con istituzioni e lavoratori. Ma deve volerlo Fedriga e deve volerlo il ministro Patuanelli: nessuno dei due può voltare le spalle a un territorio che sta precipitando verso una crisi industriale diffusa. È difficile impegnarsi e mostrare la faccia – aggiunge Serracchiani – quando arriva la tempesta sull’economia ma devono farlo e senza delegare, perché più passa il tempo e meno si può fare: non aspettino che passi la nottata”.